Home | I 150 anni dalla spedizione dei mille | Sicilia 150 | Mille musiche e canti popolari | I canti popolari siciliani | Lu Sissanta

Lu Sissanta

I due canti, ad opera del poeta Andrea Pappalardo da Catania, descrivono il malcontento che nasce via via che il nuovo Stato si consolida: le tasse, la leva e la repressione dei moti contadini danno la sensazione che siano i "grossi" ad avere i benefici maggiori rispetto agli umili che non ottengono nulla dal nuova compagine statale.

 

Lu Sissanta

1
Parru ppi lu sissanta, o mei signuri:
su' tutti virità, non su' palori!
Si jasau la bannera a tri culuri
Ccu cuntintizza e alligrizza di cori;
ma non è longa, è quatra, a 'mmuccaturi,
ccu la cruci Savoja e autri decori,
e la sustennu novi rrapaturi:
chistu è lu munnu: cui nasci e cui mori.

2
Iu di tutti canùsciu la mancanza:
cu' ha vinti tarì vurissi 'n' unza,
ogni omu si nutrisci di spiranza
e assuppa, assuppa, mugghi di nà sponza.
O quarantotto fu la cuntradanza,
lu 'ncugna e scugna, lu conza e lu sconza;
Sigilia dissi: Arrìscu la panza;
quannu 'si sburdi 'na cosa si conza.
A lu sissanta Sigilia chi accanza?
Li cani grossi maniciunu la sponza.

 

 

Il Sessanta

1
Parlo per il sessanta, o miei signori:
son tutte verità, non sono parole!
Si alzò la bandiera tricolore
Con contentezza e allegria nel cuore;
ma non è lunga, è quadrata, a 'mmuccaturi,
con la croce Savoia e altre decorazioni,
e la sostengono nove rrapaturi;
è questo il mondo: chi nasce e chi muore.

2
Io di tutti conoscono i difetti:
chi ha venti tarì vorrebbe un'oncia,
ognuno si nutre di speranze
e assorbe, assorbe, meglio d'una spugna.
Nel quarantotto ci fu la contraddanza
la 'cugna e scugna, lu conza e lu sconza,;
Sicilia disse: Risico la pancia;
quando una cosa si guarda e si ripara.
Nel sessanta Sicilia cosa acquista?
I cani grossi spremono la spugna.

A.F.