Home | Archivio La Regione Informa | 2019 | Aprile | SCUOLA DANNEGGIATA - Palermo, allo Zen dopo i vandali in arrivo nuovi fondi

SCUOLA DANNEGGIATA - Palermo, allo Zen dopo i vandali in arrivo i fondi

SCUOLA DANNEGGIATA - Palermo, allo Zen dopo i vandali in arrivo i fondi

Ancora danneggiamenti alla scuola Giovanni Falcone dello Zen 2 di Palermo: l'ennesimo atto vandalico in un plesso didattico di frontiera che, negli anni e fino ad oggi, ha subito numerosi episodi di violenza. La dirigente scolastica Daniela Lo Verde ha riunito sabato pomeriggio i docenti della scuola e alcune famiglie per testimoniare l'incrollabilità dell'azione educativa. L'assessore all'Istruzione e alla Formazione professionale Roberto Lagalla ha quindi deciso di essere presente all'incontro per portare la solidarietà del presidente Musumeci e del governo regionale e per testimoniare come ogni tipo di attacco all'istituzione scolastica, soprattutto nelle aree a maggiore rischio, costituisca un gesto di disprezzo verso la comunità e di gratuita viltà nei confronti dei bambini e dei giovani.
Dichiara Lagalla: "Il governo regionale è qui oggi non solo per proporre soluzioni tecniche, peraltro già avvistate, ma per affidare a questa presenza il senso della solidarietà e della vicinanza dell'istituzione regionale, in particolare ai bambini che sono stati ingiustamente privati di beni per loro primari. Si è trattato di un atto meschino e incomprensibile. Conosciamo le difficoltà del quartiere, ma anche l'impegno quotidiano profuso dal corpo docente e dalle tante famiglie che oggi sono qui riunite. Alla luce di ciò, mi preme rivolgere un appello alla città di Palermo affinché ogni impresa, ogni operatore, ogni cittadino, se vorrà e nell'ambito delle proprie possibilità, possa iscriversi a una gara di solidarietà verso questa scuola, supportandola attraverso la fornitura di giocattoli, la cura del verde, la messa in opera di piccoli impianti di sicurezza e quant'altro possa rendere la struttura più efficiente e sicura, nonché messa al riparo dal così frequente ripetersi di azioni vandaliche.
Ovviamente non si chiede un intervento sostitutivo di quello, doveroso, delle istituzioni, ma un momento di attenzione e di solidarietà verso i bambini e le loro famiglie, nonché un atto di corale testimonianza contro la violenza gratuita e l'insensatezza di certi comportamenti.
Da parte sua, il governo regionale, avendo già individuato la scuola dello Zen 2 tra quelle facenti parte della sperimentazione promossa insieme al Miur, trasferirà all'istituto scolastico, già dalle prossime settimane, le risorse necessarie per le concordate attività di potenziamento didattico e di riqualificazione dei luoghi".