Giovedì, 23 settembre 2021
Il portale: ricerca
Home 
Home | Archivio La Regione Informa | 2021 | Gennaio | ANNIVERSARIO MATTARELLA - L'omaggio del governo regionale

ANNIVERSARIO MATTARELLA - L'omaggio del governo regionale

ANNIVERSARIO MATTARELLA - L'omaggio del governo regionale


7 gennaio 2021

Una corona floreale è stata posta dal governo Musumeci a fianco della lapide alla memoria di Piersanti Mattarella, in via della Libertà a Palermo. A rendere omaggio al presidente della Regione ucciso 41 anni fa, questa mattina si è recato, in rappresentanza del governo, il vice presidente della Regione Siciliana, Gaetano Armao.

«La commemorazione del presidente Mattarella - ha detto il vice presidente della Regione Siciliana, Gaetano Armao - ci riporta ai suoi valori, alle sue idee, al concetto di amministrazione moderna e innovativa che, da assessore prima e da presidente poi, condusse da vero riformatore. Per tutti noi rimane un riferimento che deve impegnarci a trasformare l'amministrazione regionale in elemento di modernità, di innovazione e di servizio per tutti i cittadini siciliani, contrastando in ogni modo le infiltrazioni che la mafia e la criminalità cercano di esercitare sulla gestione pubblica».

Presenti anche l'assessore al Territorio e Ambiente Toto Cordaro, il segretario generale Maria Mattarella, figlia dell'ex presidente ucciso il 6 gennaio 1980 e altri dirigenti regionali. La cerimonia si è svolta in modo scaglionato, a causa delle misure precauzionali anti-Covid.

«L'esempio di Piersanti Mattarella, dopo più di 40 anni dalla morte - evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci - resta un riferimento per quanti sono impegnati nella buona politica, quella che persegue il giusto e non l'utile. Il suo spessore culturale, l'abilità nel mediare situazioni difficili alla ricerca di ampie convergenze, il coraggio nel chiedere cambiamento e innovazione - in una terra che non era ancora disposta a cambiare - sono valori che chi fa politica in Sicilia non può non fare propri. Oggi, forse, più di ieri».



Link video dichiarazione Armao: