Home | Archivio La Regione Informa | ISTRUZIONE - Accordo tra Regione e Palermo calcio

ISTRUZIONE - Accordo tra Regione e Palermo calcio

ISTRUZIONE - Accordo tra Regione e Palermo calcio


28 gennaio 2020

Firmato un Protocollo d'intesa tra Regione Siciliana, Ufficio scolastico regionale e Palermo Calcio, promosso dal Fondo sociale europeo. A sottoscriverlo, nella sede dell'assessorato all'Istruzione, l'assessore Roberto Lagalla, l'amministratore delegato del Palermo, Rinaldo Sagramola e, in rappresentanza dell'Usr, Giovanni Caramazza, presenti anche i giocatori Mattia Felici e Francesco Vaccaro.
«L'azione del governo Musumeci questa volta parla ai giovani attraverso lo sport - spiega Lagalla - che ci permetterà di diffondere facilmente i valori della solidarietà, del rispetto e della condivisione. Grazie alla firma di questo accordo, intendiamo incentivare il rapporto tra il sistema dell'istruzione e il mondo agonistico, valorizzando lo sport come strumento dell'azione educativa per alimentare importanti processi di integrazione ed inclusione dei soggetti svantaggiati in età scolastica e a rischio emarginazione. Faremo questo grazie ad iniziative educative e formative, sviluppate in collaborazione con gli istituti scolastici che vorranno aderire».
«Grazie all'impegno e a una sana competizione si possono raggiungere ottimi risultati - dichiara Sagramola - attraverso questo protocollo con l'Usr e la Regione Siciliana avremo la possibilità di portare la nostra testimonianza all'interno delle scuole siciliane e per noi non può che essere motivo di grande orgoglio».
«Coinvolgeremo circa seicento studenti invitandoli allo stadio durante le partite - interviene Caramazza - ed i giocatori avranno modo di dialogare direttamente con loro raggiungendoli in classe e organizzando iniziative ed appuntamenti settimanali. Sono certo che sarà per loro un momento molto positivo di confronto e di crescita educativa».
Il protocollo porta avanti il progetto Kick of giovani - La Regione Siciliana e il Ssd Palermo per lo "Sport per tutti e non per pochi" che, già a partire da questa domenica e per i sei mesi successivi, porterà allo Stadio Barbera gli studenti degli istituti scolastici aderenti all'iniziativa. Saranno organizzati eventi sportivi, giornate di incontro, mostre fotografiche e contest ai quali gli studenti potranno partecipare, grazie a Ssd Palermo che metterà a disposizione l'organico della propria rosa, lo staff tecnico e dirigenziale anche per il coinvolgimento e la sensibilizzazione dei giovani in condizioni svantaggiate.
Oltre agli studenti della classe IV della primaria fino al V anno della Scuola secondaria di secondo grado, saranno coinvolti anche i giovani dei reparti di lungodegenza dell'Azienda ospedaliera Civico, con i vari presidi ospedalieri. Il disagio sociale non riguarda solo i giovani in età scolare a rischio di abbandono scolastico, ma anche i ragazzi che, a causa di problematiche sanitarie,si trovano a vivere una situazione di disagio e sofferenza. Il progetto mira a creare un network tra il mondo della scuola e quello del calcio professionistico, realizzando azioni dirette a contrastare fenomeni di discriminazione e a sostenere le associazioni impegnate in progetti dedicati a favorire il reinserimento sociale dei giovani a rischio emarginazione. L'iniziativa risponde agli obiettivi espressi dalle strategie dell'Unione europea in tema di crescita e occupazione, proponendosi di aumentare la consapevolezza dei cittadini riguardo alle attività cofinanziate dal Fse in Sicilia.

Nella foto: da sx Sagramola, Lagalla e Caramazza