Home | Archivio La Regione Informa | ATTIVITÀ PRODUTTIVE - Distretti, riconoscimenti per Agrumi e Pesca

ATTIVITÀ PRODUTTIVE - Distretti, riconoscimenti per Agrumi e Pesca

ATTIVITÀ PRODUTTIVE - Distretti, riconoscimenti per Agrumi e Pesca


20 febbraio 2020

L'assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano, ha firmato i decreti di rinnovo del riconoscimento per il Distretto produttivo agrumi di Sicilia e per il Distretto produttivo pesca - Cosvap. Si tratta delle prime due realtà che hanno beneficiato del nuovo avviso pubblicato dal dipartimento delle Attività produttive volto a determinare il rinnovo o il nuovo riconoscimento dei distretti, un'attività che era bloccata da quasi tre anni e che grande preoccupazione aveva destato nel mondo produttivo dell'Isola.

«Con la firma dei primi due decreti di rinnovo - sottolinea l'assessore Turano - abbiamo dato compimento al percorso iniziato più di un anno fa con il presidente Musumeci per ridare nuova vita ai distretti produttivi siciliani. Avevamo promesso ai rappresentanti dei distretti, che ci avevano illustrato le numerose criticità di queste aggregazioni economiche, una risposta riguardante i riconoscimenti. Questo primo passo, adesso, ci consentirà di procedere in maniera più spedita e di lavorare alla ridefinizione del loro ruolo nell'ambito del sistema produttivo siciliano».

I distretti produttivi, istituti con decreto nel 2005, hanno l'obiettivo di far lavorare le filiere per sistemi integrati in grado di darsi una programmazione a livello territoriale incentivandoli con specifici fondi. Nel 2007, la Regione Siciliana ne aveva riconosciuti 23: nove industriali, otto agricoli, quattro artigianali e due della pesca. Il decreto del 2005 prevedeva una validità del riconoscimento della durata di tre anni, trascorsi i quali i distretti riconosciuti dovevano andare al rinnovo. Di fatto, però, dal 2017 la situazione dei rinnovi e dei riconoscimenti era praticamente bloccata. La pubblicazione dell'avviso e l'istituzione del servizio 'Zes ed altri interventi agevolativi' che avrà competenza sui distretti produttivi ha sostanzialmente superato la stasi e consentirà il complessivo rilancio del sistema.

«Adesso - spiega Turano - con i nuovi criteri si potrà procedere più speditamente non solo ai rinnovi, per quanti sono già pronti, ma anche ai nuovi riconoscimenti».

Grazie alla revisione delle procedure previste per i riconoscimenti messa a punto dagli uffici del dipartimento Attività produttive vengono, infatti, eliminate le criticità che avevano determinato lo stallo delle pratiche di riconoscimento. Nello specifico, oltre a un adeguamento dei criteri di valutazione, il nucleo di valutazione, precedentemente previsto, viene sostituito da una commissione di valutazione interna al dpartimento e si amplia il riconoscimento temporale dei distretti da tre a cinque anni.

«Dopo il completamento delle procedure di riconoscimento - conclude il componente del governo Musumeci - vogliamo lavorare a dare nuova vitalità ai distretti, puntando a una collaborazione più stretta imperniata sulla condivisione delle scelte strategiche regionali in ordine anche alla prossima programmazione comunitaria 2021/2027».