Home | Archivio La Regione Informa | TERRITORIO - Mascalucia, al via la gara per il nuovo raccordo

TERRITORIO - Mascalucia, al via la gara per il nuovo raccordo

TERRITORIO - Mascalucia, al via la gara per il nuovo raccordo


17 dicembre 2019

Un Comune come quello di Mascalucia, nel Catanese, che non ha una via di fuga perché, a distanza di quattordici anni, non è stata ancora completata. E' via Aldo Moro, l'importante arteria viaria che ora, invece, verrà realizzata grazie all'Ufficio contro il dissesto idrogeologico guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. E' stata infatti pubblicata, con un importo di due milioni di euro dalla Struttura diretta da Maurizio Croce, la gara per il prolungamento di questa importante bretella - funzionale al congiungimento di via Roma con via Polveriera - che oggi esiste solo per un piccolo tratto.

E' un intervento molto atteso perché, una volta ultimato, collegherà il comprensorio di Sopraria, al centro del paese, con Catania, bypassando l'attuale strozzatura. Risale al 2005 la bozza originaria del progetto, ma problemi burocratici e finanziari ne hanno ritardato la definizione. Ora la buona notizia per i cittadini di Mascalucia che, dalla zona sud, potranno raggiungere agevolmente il versante ovest, ricco di negozi e attività artigianali e sede di diversi plessi scolastici, per immettersi nella strada intercomunale in direzione Gravina di Catania e San Giovanni Galermo e accedere, quindi, allo svincolo della tangenziale.

L'opera prevede anche il potenziamento del sistema di raccolta e trattamento delle acque meteoriche in un'area che vive una vera e propria emergenza idraulica per gli allagamenti che, soprattutto nella stagione invernale, rappresentano un pericolo per l'incolumità pubblica. Disagi e disservizi che per la comunità locale sono stati crescenti per effetto di un sistema viario inadeguato, soprattutto se si considera che negli ultimi venticinque anni si è registrato un forte aumento della residenzialità con una popolazione che oggi supera le trentaquattromila unità.