Home | Archivio La Regione Informa | FORMAZIONE PROFESSIONALE - Al via le procedure per conferma iscrizione Albo

FORMAZIONE PROFESSIONALE - Al via le procedure per conferma iscrizione Albo

FORMAZIONE PROFESSIONALE - Al via le procedure per conferma iscrizione Albo


17 marzo 2020

La Regione Siciliana Avviata la procedura per la conferma delle iscrizioni all'Albo della formazione professionale. E' l'effetto della recente legge regionale che ha riformato il complesso sistema nell'Isola. Agli attuali iscritti, infatti, sebbene l'Albo debba considerarsi ad esaurimento, si applicheranno, fino al 2030, le tutele già in vigore, garantendo, quindi, la priorità assunzionale per quanti regolarmente registrati e con anzianità risalente al 31 dicembre 2008. Gli operatori sono, in ogni caso, obbligati a confermare la loro iscrizione e il mancato riscontro sarà considerato equivalente a rinuncia, con perdita del diritto al reinserimento.

Gli interessati dovranno accedere al sistema Albo registro formatori - attraverso l'indirizzo web sarf.formasicilia.it - e procedere alla registrazione inserendo i propri dati anagrafici, indirizzo di posta elettronica e codice fiscale. Il sito web sarà attivo dalle ore 9 di lunedì 23 marzo e fino alle ore 24 di lunedì 20 aprile.

Per il mantenimento dell'iscrizione all'Albo, scatterà poi l'obbligo di aggiornamento professionale, i cui criteri, tempi e modalità saranno successivamente comunicati dall'amministrazione, in coerenza con le previsioni della legge regionale di riforma del settore.

«Anche in un momento di generale difficoltà, dovuta all'emergenza sanitaria in corso - sottolinea l'assessore alla Formazione professionale, Roberto Lagalla - il governo Musumeci intende dare attuazione alle previsioni della legge regionale, recentemente approvata, sulla tutela del personale della formazione professionale, appartenente all'Albo. Attraverso l'avviato processo di razionalizzazione dello stesso Albo, si intende, infatti, agevolare l'adozione delle misure di sostegno e di reinserimento lavorativo degli addetti che, in atto, sono allo studio in collaborazione con il ministero del Lavoro».