Home | Archivio La Regione Informa | OASI DI TROINA - Inaugurato il nuovo Centro di neuroriabilitazione

OASI DI TROINA - Inaugurato il nuovo Centro di neuroriabilitazione

OASI DI TROINA - Inaugurato il nuovo Centro di neuroriabilitazione


06 novembre 2019

Il presidente della Regione Nello Musumeci ha inaugurato questa mattina a Troina il nuovo centro di neuroriabilitazione "Nostra Signora di Lourdes". Al taglio del nastro, oltre alle autorità civili e militari, erano presenti il presidente dell'istituto Oasi don Silvio Rotondo, l'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. La struttura dell'Irccs Oasi di Troina, centro medico-scientifico a livello internazionale nell'ambito dei disturbi del neurosviluppo, delle disabilità intellettive e dei disturbi neurocognitivi, sorge in contrada San Michele a ridosso della strada statale 575 verso Catania. Il centro si sviluppa su 6 piani piani per un'area complessiva di ottomila metri quadrati con 120 posti letto.
Il piano terra, di 1.600 metri quadrati, sarà destinato ad attività di ricezione ambulatoriale e piscina riabilitativa, poi seguono altri 4 piani di 1.500 metri quadrati ciascuno, ognuno dei quali con 30 posti letto disponibili. La configurazione delle stanze va dalla singola degenza a quella multipla. Ogni stanza è munita di tutte le dotazioni necessarie previste dalla normativa vigente a livello ospedaliero. Infine, l'ultimo piano di 600 metri quadrati sarà adibito ai servizi annessi al centro. Tutta la struttura sarà completamente accessibile e senza barriere architettoniche.
Lo spazio attorno al nuovo centro, immerso nel verde, è stato completamente riqualificato con sistemi di illuminazione eco-sostenibili e ampi parcheggi. Il nuovo Centro sarà definitivamente operativo presumibilmente entro il mese d gennaio del prossimo anno, non appena saranno completate tutte le altre operazioni di acquisto e collaudo degli arredi.
«Da sempre l'Oasi di Troina - ha commentato il presidente Nello Musumeci - un punto di riferimento per l'assistenza di qualità e la riabilitazione, non è un caso che parte dell'utenza arrivi da altre regioni d'Italia. Per questo la Regione Siciliana ha deliberato una convenzione di circa quaranta milioni di euro in dieci anni, un concreto sostegno e un riconoscimento all'esperienza maturata e alla possibilità maturata di offrire un servizio con standard elevati ad una platea sempre più vasta di utenti».