Home | Eventi | Interoperabilità e cooperazione applicativa

Interoperabilità e cooperazione applicativa nella Regione Siciliana

 



Interoperabilità e cooperazione applicativa nella Regione Siciliana

 

Data: 1 luglio 2009
Sede: Palermo, Palazzo dei Normanni



 

La Regione Siciliana, così come le altre Regioni e pubbliche amministrazioni locali, ha svolto, nel corso degli ultimi anni, un ruolo molto importante nell'innovazione dell'amministrazione e nella promozione dell'effettivo utilizzo delle tecnologie ICT come risorsa abilitante per lo sviluppo locale, anche alla luce dei programmi di sviluppo europei e nazionali (trattato di Lisbona, e-europe, Fondi Strutturali, etc.). Tanto più significativo è questo ruolo nel momento in cui l'organizzazione dello Stato italiano si è modificata profondamente in senso federalista, con nuove competenze e nuove responsabilità per la Regione nel rendere servizi ai cittadini ed alle imprese.

Pertanto, garantire l'interoperabilità e la cooperazione applicativa tra i sistemi informativi della PA centrale e locale è diventato un requisito di primaria importanza, al fine di realizzare il pieno ed efficace sviluppo dell'e-government e rendere al cittadino servizi più efficienti.

Il Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale - Assessorato regionale Bilancio e Finanze, al fine di rafforzare e diffondere la cultura della cooperazione applicativa e dell'interoperabilità nel territorio siciliano, ha organizzato, nell'ambito del progetto ICAR Plus, un evento regionale "Interoperabilità e Cooperazione Applicativa nella Regione Siciliana", tenutosi l'1 luglio 2009 presso l'Assemblea Regionale Siciliana - Palazzo dei Normanni. Il convegno, organizzato in una sessione mattutina ed una pomeridiana, è iniziato con i saluti del Ragioniere Generale del Dipartimento Bilancio e Finanze, dei presidenti e degli amministratori delegati delle società regionali Sicilia e-Innovazione e Sicilia e-Servizi e del Segretario Generale dell'ANCI Sicilia e ha visto una attenta partecipazione da parte dei rappresentanti dei Dipartimenti regionali, delle Aziende ospedaliere e degli enti locali. In tale sede, il Ragioniere Generale, Dott. Vincenzo Emanuele ha annunciato ai presenti l'adesione da parte della Regione Siciliana al progetto interregionale ICAR, elaborato attraverso il coordina-mento del "Centro Interregionale per il Sistema Informatico ed il Sistema Statistico" (CISIS), che dispiega l'infrastruttura di cooperazione a livello territoriale e interistituzionale in tutte le Regioni e le Province autonome.

La Regione Siciliana, con l'adesione ad ICAR, perfettamente integrabile con i progetti regionali di interoperabilità e cooperazione applicativa che si stanno realizzando con le iniziative regionali sulla Società dell'Informazione, potrà usufruire della infrastruttura creata, delle applicazioni e del know how acquisito nell'ambito di ICAR ed implementarle nei sistemi informativi realizzati, affinché tali sistemi possano agevolmente dialogare con i sistemi informativi della P.A. centrale e delle altre Regioni.

Durante il convegno sono stati presentati, infatti, da parte dei project manager, sia i progetti interregionali ICAR ed ICAR PLUS che i progetti regionali che si stanno sviluppando nel territorio siciliano, che ad oggi riguardano la creazione dell'infrastruttura di interoperabilità e cooperazione applicativa e lo sviluppo di servizi in ambito sanitario e territoriale.



Gli interventi del convegno (documenti scaricabili in formato formato .zip, visualizzazione in formato .pdf)

 

Progetti in ambito nazionale
Progetti Interregionali

 



Progetti in ambito regionale

- Infrastruttura ed interoperabilità



CMS-CRS: il progetto Card Management System Cittadini della Regione Siciliana (CMS-CRS) ha lo scopo di offrire un sistema capace di gestire i dispositivi crittografici (Carta Regionale dei Servizi) già distribuiti ai cittadini e di consentire agli stessi la fruizione di tutti i servizi (sanitari e altri di pubblica utilità) che la Regione Siciliana sta predisponendo

ZIP Compressed Format CMS-CRS (Dimensione documento: 2634436 bytes)

RMMG: il progetto Rete dei Medici di Medicina Generale e Pediatri di libera scelta (RMMG) ha lo scopo, mettendo in rete i medici ed i pediatri della Regione, di consentire un miglioramento sostanziale dei servizi sanitari offerti al cittadino e, al contempo, di creare uno strumento essenziale nel garantire la continuità assistenziale

ZIP Compressed Format RMMG (Dimensione documento: 6828885 bytes)

SIS NAR: la Nuova Anagrafe Regionale si pone nell'ambito del conte-sto più ampio del progetto SIS (Sistema Informativo Sanitario) costitu-endo la piattaforma sanitaria di base su cui costruire l'intera infrastruttura informativa del Servizio Sanitario Regionale

ZIP Compressed Format SIS NAR (Dimensione documento: 3262062 bytes)

- Servizi in ambito territoriale

SITIR: l'intervento Sistema Informativo Territoriale Integrato Regio-nale (SITIR) si pone come obiettivo la realizzazione di un SIT (Sistema Informativo Territoriale) a copertura "Regionale" che possegga la principale caratteristica di "Integrazione" di tutti i dati a valenza territoriale e/o comunque riconducibili ad oggetti e soggetti territoriali



DB SITR: l'intervento prevede la realizzazione e il popolamento delle Banche Dati per il Sistema Informativo Territoriale Regionale, un geo-database strutturato a standard logici e fisici

ZIP Compressed Format (Scarica l'intervento su SITIR e DB SITR) (Dimensione documento: 2938165 bytes)

CST: il progetto Centri Servizi Territoriali (CST) prevede la realizza-zione di strutture centralizzate, costituite da aggregazioni di piccoli Comuni, che, condividendo risorse umane, tecnologiche e finanziarie in forma associata, erogano servizi ai cittadini ed alle imprese del proprio territorio, migliorandone la qualità.

ZIP Compressed Format (Scarica l'intervento su SITIR e CST) (Dimensione documento: 3773014 bytes)

 
Convegno ICAR

 

In definitiva, la Regione Siciliana, tramite la realizzazione dei suddetti progetti intende raggiungere l'obiettivo di garantire al cittadino la possibilità di rivolgersi ad un unico sportello (on-line) per la fruizione di un servizio, senza avere la percezione del coinvolgimento di più amministrazioni nell'erogazione del servizio richiesto, ove ciò sia necessario.