Martedì, 23 luglio 2024
Il portale: ricerca
Home 
Home | Presidente | Archivio | 2020 | Coronavirus, Musumeci: "Ripartenze? Roma dia linee guida alle Regioni"

Coronavirus, Musumeci: "Ripartenze? Roma dia linee guida alle Regioni"

Coronavirus, Musumeci: Ripartenze? Roma dia linee guida alle Regioni

 
10 maggio 2020

«In una pandemia che non conosce confini, il fattore Autonomia - di cui sono un difensore - può giocare fino a un certo punto. E aggiungo che è apprezzabile il lavoro comune fatto dal governo e dai presidenti di Regione di tutte le parti politiche con quelli di centro-destra in ampia maggioranza».
Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, in un'intervista al Messaggero.

«Penso - ha proseguito Musumeci - che il governo dovrebbe egli stesso dare linee guida alle Regioni, rispettando ovviamente i criteri scientifici di contenimento dell' epidemia. Entro queste linee le Regioni dovrebbero svolgere un proprio ruolo adattando le regole nazionali alle realtà della propria Sanità».

Riguardo alla situazione epidemiologica nazionale e siciliana, il governatore ha aggiunto «il mio primo pensiero è quello di dire ai siciliani, nell'interesse della loro salute e della loro economia, di non rovinare il risultato che hanno ottenuto nelle scorse settimane durante le quali si sono comportati bene e hanno smentito pregiudizi sul loro individualismo. Dobbiamo stare attenti perché la paura sembra finita. Invece il virus è in agguato».

«Capisco lo stato d'animo di alcuni miei colleghi - ha evidenziato il presidente - ma dev'essere Roma a dare piu' flessibilita' alle Regioni, considerando che nel Sud la situazione sanitaria ed economica e' diversa da quella del Nord-Ovest».

In merito ai viaggi interregionali, Musumeci ha sottolineato che spetta «al Governo decidere. Io sarò chiamato a fornire un parere e proporrò il primo giugno. Io avrei aperto i parrucchieri dal 4 maggio. Ma sul piano sanitario è Roma che deve assumersi la responsabilità delle linee-guida da fornire alle Regioni. L' epidemia non è finita e non intendo accreditare liberi tutti».