Sabato, 13 agosto 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilitÓ | Dipartimento delle infrastrutture della mobilitÓ e dei trasporti | Aree tematiche | Altri contenuti | Normativa | Piano Regionale dei Trasporti | PIANI URBANI MOBILITA'

Piani Urbani Della MobilitÓ (P.U.M.)

Obiettivo operativo 6.1.3 - Linea di intervento 6.1.3.3 del PO FESR 2007/2013

Il Piano Urbano della MobilitÓ (P.U.M.), disciplinato dall'art. 22 della legge 340/2000, rappresenta il "progetto del sistema della mobilitÓ", finalizzato a soddisfare i fabbisogni di mobilitÓ della popolazione, assicurare l'abbattimento dei livelli di inquinamento atmosferico ed acustico, la riduzione dei consumi energetici, l'aumento dei livelli di sicurezza del trasporto e della circolazione stradale, la minimizzazione dell'uso individuale dell'automobile privata e la moderazione del traffico, l'incremento della capacitÓ di trasporto, l'aumento della percentuale di cittadini trasportati dai sistemi collettivi anche con soluzioni di car pooling e car sharing e la riduzione dei fenomeni di congestione nelle aree urbane.
Tale progetto di sistema deve comprendere l'insieme organico degli interventi sulle infrastrutture di trasporto pubblico e stradali, sui parcheggi di interscambio, sulle tecnologie, sul parco veicoli, sul governo della domanda di trasporto attraverso la struttura dei mobility manager, i sistemi di controllo e regolazione del traffico, l'informazione all'utenza, la logistica e le tecnologie destinate alla riorganizzazione della distribuzione delle merci.
La stessa disposizione normativa prevedeva, al comma 4, che con regolamento da adottare ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro dei trasporti e della navigazione, venissero stabiliti, tra l'altro, il procedimento di formazione e di approvazione dei PUM e i requisiti minimi dei relativi contenuti. L'iter di approvazione di tale regolamento non Ŕ stato definito; tuttavia il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Dipartimento per le politiche di sviluppo del territorio, il personale ed i servizi generali ha emanato, al fine di promuovere una prima sperimentazione di Piani urbani della mobilitÓ (PUM), apposite linee guida, contenenti alcune indicazioni tratte dallo schema di "Regolamento per il cofinanziamento statale dei Piani urbani della mobilitÓ (PUM): prime indicazioni", deliberato in attuazione di quanto previsto dall'art. 22 della legge 340/2000 (Piani urbani della mobilitÓ) e approvato, in linea tecnica, dalle Regioni ed Enti locali nella Conferenza unificata tenutasi il 14 ottobre 2002 (l'iter di approvazione, come si accennava, non ha tuttavia avuto ulteriore seguito). Il PUM Ŕ identificato, in tali documenti, come nuovo strumento per la pianificazione della mobilitÓ nel medio-lungo periodo, con un ruolo di complementarietÓ con il PUT (Piano Urbano del traffico) il quale fa riferimento al breve periodo con interventi di tipo soprattutto organizzativo piuttosto che infrastrutturale.
Recentemente l'art.3 comma 7 lettera c) del D.Lgs. 16/12/2016 n.257 recante "Disciplina di attuazione della direttiva 2014/94/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di una infrastruttura per i combustibili alternativi", ha previsto che con Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, previo parere della Conferenza unificata, siano adottate le linee guida per la redazione dei piani urbani per la mobilitÓ' sostenibile (PUMS). Tali linee guida sono in corso di approvazione.
***
L'Asse 6 "Sviluppo Urbano Sostenibile" del P.O. F.E.S.R. 2007/2013 ed in particolare l'Obiettivo Operativo 6.1.3 "Adeguare a criteri di qualitÓ ambientale e sociale le strutture dei servizi e della mobilitÓ urbana", prevedeva anche una Linea di Intervento, la 6.1.3.3., destinato tra l'altro ad incentivare la redazione dei Piani della MobilitÓ. Con i fondi del Programma sono stati finanziati e realizzati gli studi necessari per la predisposizione dei PUM di sette Comuni. I Piani Urbani della MobilitÓ finanziati sono consultabili ai link riportati di seguito.



PROGETTI P.U.M. FINANZIATI CON LA L.I. 6.1.3.3 DEL P.O. FESR 2007/2013

 

Comune di Agrigento (sotto il link diretto al Piano)

 

Comune di Bagheria (link diretto al Piano)

 

Report Finale di Piano - Comune di Acireale (Pdf)

 

Comune di Sciacca (link diretto al Piano)

 

Comune di Mazara Del Vallo (link diretto al Piano)

 

Comune di Marsala (link diretto al Piano)