Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dell'economia | Dipartimento del bilancio e del tesoro - Ragioneria generale della Regione | Bilancio di Previsione

Il Bilancio di Previsione

Bilancio di previsione

La struttura del disegno di legge di bilancio è definita dall'articolo 1 della legge regionale 8 luglio 1977, n. 47 e successive modifiche ed integrazioni.

Il bilancio è organizzato per centri di responsabilità corrispondenti ai dipartimenti regionali ed altri uffici cui è affidata la relativa gestione. Dipartimenti ed uffici espongono al loro interno le entrate e le spese distinte per titoli, aggregati economici ed unità previsionali di base (U.P.B).

Le previsioni sono formulate solo in termini di competenza con riferimento alle U.P.B. ed in termini anche di cassa per l'insieme delle U.P.B. riconducibili al medesimo centro di responsabilità.

Le previsioni contenute nel "bilancio a legislazione vigente" costituiscono la proiezione contabile del quadro normativo vigente rispetto al quale la manovra in finanziaria rappresenta invece l'insieme delle "correzioni" da operare per ricondurre gli andamenti tendenziali a quelli fissati dai documenti programmatici.

Il concetto di legislazione vigente viene integrato con quello di "bilancio a politiche invariate" allorché la quantificazione che viene iscritta in bilancio non è recata da una specifica previsione normativa ma viene operata riproponendo lo stanziamento dell'esercizio precedente. Oggetto della deliberazione parlamentare sono le unità previsionali di base. Con un apposito articolo della legge di approvazione del bilancio, annualmente, vengono individuate e riportate in apposito allegato, l'elenco delle U.P.B.

I capitoli in cui le UPB si articolano vengono invece esposti nell'apposito allegato tecnico al bilancio, per finalità esclusivamente conoscitive. Contestualmente all'entrata in vigore della legge di bilancio (dunque dopo la sua approvazione da parte dell'Assemblea), l'Assessore regionale per il bilancio e le finanze provvede con proprio decreto, "sulla base dell'allegato tecnico", provvede a ripartire le disponibilità delle unità previsionali di base nei capitoli in cui queste si articolano, per le finalità connesse con la gestione e la rendicontazione delle entrate e delle spese.