Lunedì, 16 maggio 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dell'economia | Dipartimento del bilancio e del tesoro - Ragioneria generale della Regione | Info e documenti | Amministrazione trasparente | Albo incarichi | F.A.Q. Avviso pubblico Albo dei collaudatori e dei professionisti

F.A.Q. Avviso pubblico per la costituzione dell'albo dei collaudatori e dei professionisti

1.1 - Premesso di aver preso visione dell'AVVISO PUBBLICO per la costituzione dell'albo dei collaudatori per l'affidamento di incarichi di collaudo, il cui importo stimato sia inferiore ad ¤ 100.000,00, I.V.A. esclusa, di cui all'art. 216, del D.P.R. 5/10/2010, n.207, come introdotto dalla legge regionale 12 luglio 2011, n.12, e dei professionisti per l'affidamento degli incarichi, il cui importo stimato sia inferiore ad ¤ 100.000,00, I.V.A. esclusa, di cui all'art. 90 e 91,comma 2 della legge n. 163/2006 come introdotto dalla legge regionale 12 luglio 2011, n.12, bandito da codesto dipartimento con Decreto 8 settembre 2001, e pubblicato sulla G.U.R.S. n. 40 del 23-09-2011 e sul sito ufficiale della Regine Sicilia in pari data; ........... - Premesso che alla richiesta dei requisiti necessari per l'iscrizione alla citata sub-sezione B1 viene riportato testualmente : " Laurea in ingegneria o laurea breve o diploma universitario, nell'ambito stabilito dalla normativa vigente in ordine alle attività attribuite a ciascuna professione. Si rileva dunque la mancanza della dizione "Laurea in Architettura", presente in tutti i bandi emanati dai Dipartimenti della Regione, così come in quelli emanati dai vari Enti Locali, e si chiede se trattasi di una semplice svista o di una precisa scelta tecnica, ed in quest'ultimo caso se ne richiedono le motivazioni. Risposta

1.2 - "Alla sezione Sub. 7 dell'albo dei collaudatori amministrativi che cosi come viene descritto sul bando, l'iscrizione può essere fatta solo dai dipendenti pubblici con l'eslusione dei liberi professionisti, se questo fosse vero vorrei una sua conferma, in modo da non mandare le domande inesatte."Risposta

1.3 - "Si chiede se il "Modello 2", deve essere redatto così come previsto all'art. 267, comma 3 del DPR n. 207/10, considerato che nella Gazzetta Ufficiale del 23/09/2011, Parte I n. 40, alla pagina 12, detto modello è prodotto solo in parte (manca l'allegato O - scheda referenze professionali)." Risposta

1.4 Nell'avviso sono citati: Certificato sostitutivo di atto di notorietà - Atto di notorietà. E' corretto intenderle come: dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà?Risposta

1.5 Nella dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per la sezione A per un DIPENDENTE PUBBLICO va fatta la dichiarazione c? Se si in quale forma non sembrando pertinenti le forme espresse nell'avviso. Risposta

1.6 Nella dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per la sezione B per un DIPENDENTE PUBBLICO vanno fatte le dichiarazioni b,c,e? Risposta

1.7 Partecipando a più sub-sezioni della sezione A oppure della sezione B è corretto presentare diverse domande? Risposta

1.8 Le domande possono essere presentate direttamente al protocollo presso il Dipartimento Bilancio?Risposta

 

 

 

 


1.1 Si tratta di una svista; peraltro anche a pagina 6 del medesimo AVVISO PUBBLICO si fa riferimento alla vigente normativa richiamando il comma 2 dell'art.91 del D.Lgs. n.163/2006, come introdotto dalla legge regionale 12 luglio 2011, n.12 che reinvia alle lettere , lettere d), e), f), f-bis), g) del comma 1 dell'art.90. Si provvederà ad un AVVISO DI RETTIFICA sulla G.U.R.S. e alla pubblicazione sul sito.
Ritorno alle domande

1.2 La sezione A sub .7 è relativa a quanto previsto dall'art.216, comma 4 del D.P.R. 5-10-2010, n.207 che testualmente recita: "4. Possono fare parte della commissione di collaudo, limitatamente ad un solo componente, i funzionari amministrativi delle stazioni appaltanti, laureati in scienze giuridiche ed economiche o equipollenti, che abbiano prestato servizio per almeno cinque anni presso amministrazioni aggiudicatrici." Per gli architetti ci sono le altre sub sezioni dei tecnici liberi professionisti in base ai requisiti previsti dalla normativa e dall'Avviso."
Ritorno alle domande

1.3 "La Scheda referenze professionalisi - Allegato O del D.P.R. 5-10-2010 n. 207 si riferisce all'ipotesi in cui nell'Avviso, in rapporto all'importo della classe e categoria dell'elenco, nonché alla natura e alla complessità delle attività da svolgere, può essere richiesto un requisito minimo relativo alla somma di tutti i lavori, appartenenti ad ognuna delle classi e categorie di lavori in cui si intende suddividere l'elenco. (art. 267, comma 3, ultimo periodo del D.P.R. 5-10-2010 n. 207)
Questo requisito non è stato richiesto nell'Avviso pubblicato e pertando non dovrà essere compilato.
Si riporta per completezza la normativa richiamata.
"Art. 267 Affidamento dei servizi di importo inferiore a 100.000 euro (art. 62, commi 1 e 2, art. 63, comma 1, lett. o), comma 2, lett. c), comma 7, D.P.R. n. 554/1999)
.... 3. L'avviso per l'istituzione dell'elenco di operatori economici è pubblicato con le modalità di cui all'articolo 124, comma 5, del codice. Nell'avviso le stazioni appaltanti indicano le classi e le categorie, individuate sulla base delle elencazioni contenute nelle tariffe professionali, nonché le fasce di importo in cui si intende suddividere l'elenco; le stazioni appaltanti richiedono ai soggetti interessati i curricula, redatti secondo l'allegato N; nell'avviso, in rapporto all'importo della classe e categoria dell'elenco, nonché alla natura e alla complessità delle attività da svolgere, può essere richiesto un requisito minimo relativo alla somma di tutti i lavori, appartenenti ad ognuna delle classi e categorie di lavori in cui si intende suddividere l'elenco.
4. La documentazione relativa al requisito di cui al comma 3, ultimo periodo, con riferimento ad ogni singolo lavoro, è predisposta secondo l'allegato O, indicando il soggetto che ha svolto il servizio e la natura delle prestazioni effettuate. Sono valutabili i servizi di cui all'articolo 263, comma 2."
Ritorno alle domande

1.4 Il "Certificato sostitutivo" è da intendersi come dichiarazione resa nella forma e nei contenuti previsti dalla normativa vigente per la sostituzione dell'atto di notorietà.
Ritorno alle domande

1.5 Per la sezione A è specificato nel punto c) medesimo che si riferisce ai "tecnici liberi professionisti".
Ritorno alle domande

1.6 Per LA SEZIONE B un "DIPENDENTE PUBBLICO" deve produrre le dichiarazioni compatibili con la sua posizione di dipendente; ad ESEMPIO per la lettera c) poiché potrebbero configurarsi delle forme di collaborazione con una "una società di professionisti o una società di ingegneria che partecipi all'Avviso" occorre effettuare la dichiarazione, così come occorre dichiarare "di non essere stato sottoposto a misure di prevenzione e di non essere a conoscenza dell'esistenza a proprio carico ed a carico dei conviventi di procedimenti in corso per l'applicazione di una misura di prevenzione" poiché tale stato potrebbe essere modificato rispetto al momento in cui si è costituito il rapporto di PUBBLICO DIPENDENTE".
Ritorno alle domande

1.7 Si possono presentare diverse domande anche in un solo plico.
Ritorno alle domande

1.8 Le domande possono essere presentate direttamente in entrata al Dipartimento Bilancio; in tal caso è interesse del soggetto acquisire prova dell'avvenuta consegna ed acquisizione mediante il timbro in entrata.
Ritorno alle domande