Venerdì, 22 ottobre 2021
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale della salute | Aree Tematiche | Accreditamento_new

Accreditamento

 Con l'entrata in vigore del Decreto Presidenziale 27 giugno 2019, n. 12 di rimodulazione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali, pubblicato nella GURS del 17 luglio 2019, n. 33, dal 1 agosto 2019 i procedimenti di autorizzazione e accreditamento saranno curati dai Servizi del Dipartimento Pianificazione Strategica in ragione della tipologia di struttura come di seguito indicato:

Tipo di struttura Servizio competente dal 1 agosto 2019    
Case di Cura
Day Surgery autonomi
Centri che impiegano tecniche di Procreazione  Medicalmente Assistita (PMA)
Servizio 4 Programmazione Ospedaliera 
Specialistica Ambulatoriale Servizio 8 Programmazione Territoriale 
Residenze Sanitarie Assistenziali
Comunità Terapeutiche Assistite
Strutture di riabilitazione ex art 26 L. 833/1978
Strutture per l'assistenza a soggetti affetti da Autismo
Strutture per l'assistenza a soggetti dipendenti da sostanze d'abuso
Strutture per l'assistenza a soggetti affetti da AIDS
Strutture che erogano prestazioni di Cure palliative
Consultori familiari
Strutture sociosanitarie
Servizio 9 Tutela della Fragilità - Area Integrazione Sociosanitaria 

Le istanze relative ai procedimenti di cui alle pagine accessibili dai link a fondo pagina dovranno, quindi, essere indirizzate ai Servizi del Dipartimento Pianificazione Strategica sopra indicati.
Ai sensi dell'art. 8-quater del D.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 l'accreditamento istituzionale è concesso dalla Regione alle strutture, pubbliche o private, ed ai professionisti che soddisfano i seguenti requisiti:
1. sono in possesso dell'autorizzazione sanitaria rilasciata ai sensi dell'art. 8-ter del D.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502;
2. sono conformi ai requisiti ulteriori di qualificazione previsti per l'accreditamento;
3. sono funzionali agli indirizzi di programmazione regionale e, cioè, rispondono al fabbisogno individuato dagli atti di programmazione regionali adottati per il settore di riferimento;
4. hanno superato positivamente la verifica dell'attività svolta e dei risultati raggiunti.
I primi tre requisiti devono essere soddisfatti al momento di presentazione dell'istanza che, in caso contrario, risulterà improcedibile ai sensi dell'art. 2, comma 1 della L.R. 21 maggio 2019, n. 7. Per quanto riguarda la verifica positiva dell'attività svolta e dei risultati raggiunti, il comma 7 dell'art. 8-quater del D.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 dispone che "l'accreditamento può essere concesso, in via provvisoria, per il tempo necessario alla verifica del volume di attività svolto e della qualità dei suoi risultati. L'eventuale verifica negativa comporta la sospensione automatica dell'accreditamento temporaneamente concesso".
Tuttavia, poiché è in fase di ridefinizione il fabbisogno di strutture erogatrici di prestazioni sanitarie per i diversi settori assistenziali, sino alla adozione dei nuovi atti di programmazione da parte del Dipartimento Pianificazione Strategica dell'Assessorato della Salute, non sarà possibile accogliere nuove istanze di accreditamento.
Potranno essere avviati, pertanto, procedimenti di accreditamento esclusivamente con riferimento a strutture già in possesso di parere di compatibilità con la programmazione sanitaria ovvero con riferimento agli esiti di procedimenti giudiziali. Tali strutture potranno contattare il Dipartimento Pianificazione Strategica dell'Assessorato della Salute per avere indicazioni sulle modalità di presentazione dell'istanza.
Tra le competenze dell'Assessorato della Salute rientrano, inoltre, la concessione dell'autorizzazione all'esercizio delle attività sanitarie per le Case di cura e Day Surgery autonomi; l'autorizzazione all'impiego di tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e, infine, l'adozione dei provvedimenti conseguenti a trasferimenti di sede ovvero a variazioni strutturali, organizzative e societarie dei soggetti privati titolari di autorizzazione rilasciata dalla Regione e/o di accreditamento.
Accedendo, tramite i link sotto indicati, alle pagine dedicate è possibile acquisire informazioni sulle modalità di svolgimento dei procedimenti e scaricare la relativa modulistica:

  1. Autorizzazione ed accreditamento di Case di Cura e Day Surgery autonomi privati
  2. Nomina del Direttore sanitario di Case di Cura e Day Surgery autonomi privati
  3. Autorizzazione all'installazione ed all'uso di apparecchiature diagnostiche a risonanza magnetica nucleare di Gruppo A
  4. Autorizzazione all'esercizio delle attività sanitarie connesse con la Procreazione Medicalmente Assistita (P.M.A.) presso strutture private 
  5. Trasferimento della titolarità del provvedimento di autorizzazione e/o accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie private
  6. Operazioni societarie che non comportano il trasferimento della titolarità dell'autorizzazione e/o dell'accreditamento delle strutture sanitarie private
  7. Trasferimenti di sede e variazioni delle condizioni strutturali, organizzative e di dotazione tecnologica delle strutture private accreditate

Si fa presente che, ai sensi dell'art. 2, comma 1 della L.R. 21 maggio 2019, n. 7, le istanze non sottoscritte dal legale rappresentante della struttura e non corredate da copia di un documento di identità in corso di validità risulteranno irricevibili e le istanze redatte in modo difforme alla modulistica presente sul sito potranno risultare improcedibili.
Nel caso, infine, di sussistenza di motivi ostativi all'accoglimento dell'istanza, ai sensi dell'art. 13 della L.R. 21 maggio 2019, n. 7 sarà inviata una comunicazione con riferimento alla quale, nei dieci giorni successivi alla ricezione, potranno essere presentate osservazioni e, se richieste, integrazioni documentali.