STRUTTURA

SERVIZI PER IL CITTADINO

TRASPARENZA 

VALUTAZIONE E MERITO

ATTUAZIONE DEL P.T.P.C.

AMMINISTRAZIONE                      TRASPARENTE

AREA INTERNA

SERVIZI INFORMATIVI

INFO E DOCUMENTI

LINK UTILI
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dell'istruzione e della formazione professionale | Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale | Procedure per segnalazione fatti corruttibili

Segnalazioni fatti corruttivi

La legge n. 190 del 6 novembre 2012 "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione" ha determinato gli strumenti per prevenire le condizioni che possono condurre ad azioni corruttive. In attuazione del vigente Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2016, è attiva la seguente casella di posta elettronica: urp.istrform@regione.sicilia.it dedicata alla raccolta di segnalazioni, da parte della società civile, di illeciti ed irregolarità riscontrati all'interno di questa Amministrazione, fermo restando l'obbligo giuridico di denunciare un reato all'Autorità giudiziaria.

I cittadini possono trasmettere la segnalazione - compilando e trasmettendo il seguente modulo di segnalazione - in forma cartacea, utilizzando l'allegato modulo a: Responsabile dell' Ufficio Relazioni con il Pubblico - URP Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale, viale Regiona Siciliana n. 33 Palermo . In questo caso è necessario che la segnalazione venga inserita in una busta chiusa che rechi all'esterno la dicitura "riservata/personale". È opportuno che il segnalatore valuti, preventivamente, la fondatezza dell'illecito in quanto, se denuncia o riferisce fatti privi di concretezza, può incorrere nel reato di calunnia o di diffamazione. Non sono consentite segnalazioni anonime, in quanto - se incomplete e poco dettagliate - non permettono un approfondimento.

La segnalazione non può essere oggetto di visione né di estrazione di copia da parte di richiedenti, ricadendo nell'ambito delle ipotesi di esclusione di cui all' art. 24, comma 1 lett. a), della L. 241/90 e s.m.i. Le disposizioni di tutela dell'anonimato e di esclusione dell'accesso documentale non trovano applicazione qualora disposizioni di legge speciale ne vietino l'opposizione (es. indagini penali o tributarie, ispezioni disposte dall'autorità giudiziaria).