Mercoledì, 06 luglio 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea | Dipartimento dell'agricoltura | Aree tematiche | Servizi | Servizio Fitosanitario Regionale | Organismi nocivi | Cimice asiatica - Halyomorpha halis

Cimice asiatica - Halyomorpha halis

Cimice asiatica - Halyomorpha halis

 

Segnalata per la prima volta in Italia nel 2012, è una cimice originaria dell'Asia orientale estremamente polifaga che si nutre di un'ampia varietà di specie coltivate e spontanee. Gli adulti hanno la caratteristica forma a scudo comune anche in altre cimici, ma si differenziano per le varie tonalità di colorazione dal bruno al grigio che le conferiscono un effetto "marmorizzato". Specie molto prolifica, una femmina di Halyomorpha h. deposita in media 250 uova. Lo sviluppo degli adulti è notevolmente condizionato sia dalla temperatura che dalla dieta. Per questo motivo, in autunno l'adulto cerca ambienti riparati e asciutti per superare l'inverno. Una volta all'interno del riparo, spesso abitazioni civili, cade in uno stato di letargo, in attesa che insorgano temperature più miti. Poiché ha un istinto gregario, spesso centinaia di individui si radunano nella stessa zona creando enorme disagio alla popolazione locale.



Sintomi

L'elenco delle piante di cui si nutre Halyomorpha h. è davvero molto esteso (circa 126), tra cui numerose specie frutticole e orticole. Poiché per nutrirsi l'insetto fora il rivestimento dei frutti con l'apparato boccale, si sviluppano evidenti fossette, o aree necrotiche, che danneggiano la superficie esterna degli stessi. Su peperone e pomodoro, invece, si ha un imbianchimento del tessuto delle verdure attaccate che appare bianco e spugnoso. Se i frutti vengono punti già nella fase iniziale di sviluppo, le parti danneggiate danno luogo a estese deformazioni della superficie, mentre sulle foglie si ha la formazione di aree a placche chiare.



Documentazione