Home | Strutture regionali | Assessorato regionale delle attività produttive | Dipartimento delle attività produttive | ZFU

Zone Franche Urbane

Con decreto del 16 giugno del direttore generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello sviluppo economico è stato approvato l'elenco delle imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane dei comuni della Sicilia, ammesse alle agevolazioni per un importo complessivo di ¤ 181.785.861,13.
L'intervento prevede la concessione di agevolazioni, sotto forma di esenzioni fiscali e contributive, in favore di imprese di micro e piccola dimensione localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'Obiettivo Convergenza.
Le domande di accesso alle agevolazioni sono state presentate a partire dalle ore 12.00 del 5 marzo 2014 e fino alle ore 12:00 del 23 maggio 2014, esclusivamente tramite una procedura telematica che ha consentito di concludere rapidamente l'iter di concessione.
Per la Regione Sicilia, le istanze presentate sono n° 6.683 ripartite tra le 18 ZFU, come riportato in tabella.



ZFU

TOTALE ISTANZE AGEVOLATE

DOTAZIONE FINANZIARIA

Aci Catena

163

¤ 8.918.279,15

 Acireale

671

¤ 10.242.483,28

Bagheria

454

¤ 11.785.540,88

Barcellona Pozzo di Gotto

566

¤ 8.968.289,49

Castelvetrano

110

¤ 8.778.875,23

Catania

214

¤ 18.478.551,34

Enna

196

¤ 7.487.472,03

Erice

121

¤ 7.795.073,85

Gela

418

¤ 13.846.204,77

Giarre

293

¤ 6.211.567,45

Lampedusa e Linosa

382

¤ 7.113.634,36

Messina

792

¤15.927.414,11

Palermo (Brancaccio)

159

¤ 12.683.937,39

Palermo (Porto)

347

¤ 10.802.225,13

Sciacca

343

¤ 8.138.791,31

Termini Imerese

449

¤ 7.930.035,00

Trapani

480

¤ 7.314.068,45

 Vittoria

525

¤ 9.363.417,91

 



Gli elenchi delle imprese ammesse distinte per comune sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Le agevolazioni concesse saranno fruibili con il modello di pagamento F24, secondo le modalità e nei termini indicati con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate per il pagamento delle imposte sui redditi (IRPEF, IRES), dell'imposta regionale sulle attività produttive (IRAP), dell'imposta municipale propria (IMU) e per l'esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente.

Per i curiosi delle statistiche, delle 6.683 istanze n° 3599 sono state presentate da imprese individuali, il resto da società, tra cui spiccano 1684 società a responsabilità limitata, 487 società in accomandita semplice, 486 a nome collettivo, 175 cooperative.

Per quel che attiene ai settori merceologici n° 2841 istanze riguardano attività di commercio al dettaglio e all'ingrosso e riparazione di autoveicoli; 810 le attività manifatturiere; 742 le attività di alloggio e ristorazione; 561 le imprese di costruzioni; 325 altre attività di servizi; 273 noleggio, agenzie di viaggio e supporto alle imprese; 215 servizi di informazione e comunicazione; 205 trasporto e magazzinaggio; 170 attività professionali scientifiche e tecniche; 148 attività immobiliari; 105 attività finanziarie ed assicurative; 78 attività sportive e di intrattenimento; 77 sanità e assistenza sociale; 58 istruzione; 48 fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento.

Per ogni ulteriore dettaglio consultare il sito www.mise.gov.it