venerdì, 27 maggio 2022
Home | Isola infinita | le principali mete turistiche | Siracusa
Isola Infinita

Siracusa

Siracusa, nelle parole di Guy de Maupassant, che la visitò sul finire dell'Ottocento, è tutt'altra cosa rispetto alla magnifica metropoli che era stata nel V secolo. Allora, quando sedeva sul trono Dionisio I, era una tra le più grandi e potenti città del Mediterraneo, ornata di templi e palazzi, giardini e fontane, ricca di denaro, cultura e potere. Una città ideale secondo Platone, che la visitò più volte, riponendo in essa le proprie speranze di rinnovamento politico e sociale. Una città magnifica secondo Simonide, Pindaro, Bacchilide, Eschilo, che ne cantarono la bellezza. Una città di enorme potenza militare, capace di dare scacco alle temibili Cartagine ed Atene. Siracusa fu fondata nel 734 a.C. da coloni di Corinto che si ispirarono, per il nome, a quello indigeno di una vicina palude, chiamata Syraka. È impossibile che questi coloni avessero già un'idea del grande futuro che era riservato alla loro colonia, ma certo è che l'espansione iniziò quasi subito, con la sottomissione di piccoli centri vicini. Nel V secolo l'influenza di Siracusa si faceva sentire in tutto il Mediterraneo e a questa città sono legati eventi decisivi per la storia di quegli anni: la sconfitta dei cartaginesi presso Imera nel 480 a. C.; la sconfitta degli etruschi a Cuma nel 474, che ne impedì l'espansione a sud; la vittoria sugli ateniesi nel 413, in una battaglia navale fra le più grandiose dell'antichità. Solo con grandi sacrifici e con l'inganno i romani, nel 212 a.C., riuscirono ad espugnare la città, difesa dalle mirabili opere di Archimede. Nonostante la decadenza, Siracusa rimase la città più nota ed importante della Sicilia, tanto che lo stesso imperatore d'Oriente Costante II per un periodo ne fece la capitale del suo impero. Con la conquista da parte degli arabi, nel 1878, le fu tolta la supremazia fra le città siciliane e iniziò il suo lento declino. Le dominazioni comuni a tutta la Sicilia furono condivise anche da Siracusa che mai più raggiunse gli incredibili vertici del V secolo, trasformandosi nella tranquilla cittadina che è oggi, silenziosa ed orgogliosa erede di un magnifico passato. Per la visita di Siracusa sono necessari due giorni.