domenica, 19 gennaio 2020
Home | Un'isola aperta tutto l'anno | Cultura & Folklore
Isola aperta tutto l'anno

Tra Cultura e Folklore

Anche il Carnevale siciliano assume toni grandiosi dettati dalla tradizione delle maestranze che per tempo lavorano con sapienza artigianale alla realizzazione dei carri allegorici. Parliamo dei Carnevali di Acireale (Catania), di Sciacca (Agrigento) e di Termini Imerese (Palermo) che nulla hanno da invidiare per bellezza dei carri e coinvolgimento popolare ai più famosi carnevali di Viareggio o Putignano. Non meno spettacolare per la sua ambientazione è la Sagra del Mandorlo in fiore che a febbraio anima a festa la Valle dei Templi di Agrigento con cortei, musiche e danze, diventata ormai un appuntamento internazionale del folklore. Forse meno nota è la Danza del Taratatà di Casteltermini (Agrigento) evento che affonda le sue radici nella dominazione araba spettacolare per ritmi, costumi e scenografia. Sulle Madonie e nella Sicilia interna ritornano in agosto le rievocazioni medievali in costume d'epoca come per esempio a Geraci Siculo (Palermo) nel cuore del Parco delle Madonie in cui si rievoca la Giostra dei Ventimiglia. Ancora suggestioni da non perdere nella barocca Caltagirone (Catania) che veste di luci, le tipiche lumere, la splendida scala di Santa Maria del Monte la sera del 24 luglio e sempre a luglio, allestisce la colossale Infiorata, evento presente peraltro anche a Noto (Siracusa). Appuntamenti culturali di rilievo sono quelli legati alla figura di Luigi Pirandello cui la città di Agrigento dedica una Settimana di Studi Pirandelliani, mentre il bel mondo del cinema si riunisce oltre che a Taormina per il noto Festival di giugno anche a Lipari in occasione del premio Efesto d'Oro. Infine, evento simbolo di integrazione mediterranea, il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo (Trapani) in cui chef provenienti da tutto il Mediterraneo si sfidano per decretare il miglior cous cous dell'anno.