domenica, 28 maggio 2017
Home | Parchi, riserve ed aree protette | I grandi parchi siciliani | Il Parco dei Nebrodi
Parchi riserve ed aree protette

Il Parco dei Nebrodi

Questa catena montuosa, parte dell'Appennino siciliano (formato, altresì, da Madonie e Peloritani), si estende per circa 70 km parallelamente alla costa settentrionale isolana. Elementi fortemente caratterizzanti del paesaggio naturale dei Nebrodi sono la disimmetria dei vari versanti, la diversità di modellazione dei rilievi, la ricchissima vegetazione e gli ambienti umidi. Alcuni siti rivestono di per sé particolare importanza per le proprie caratteristiche peculiari, costituendo entità uniche a volte essenziali per la struttura degli equilibri geologici ed ecologici generali: il Biviere di Cesarò, le Rocche del Crasto, il lago Tréarie, i boschi di Mistretta, Monte Pomiere, San Fratello e Mangalaviti sono alcuni di essi. La vegetazione, che è motivo fondamentale dell'istituzione del parco, è estremamente varia ed è suddivisa, come sull'Etna, in tre piani. Il primo, fino a mille metri, è suddiviso in più fasce, laddove le zone più basse sono destinate a coltivazione, le più alte caratterizzate da lecci, sugheri, euforbie, cerri. Cerri e lecci sono presenti anche nel piano successivo (fino a 1.400 m) insieme a boschi di faggio. Questi ultimi proseguono fino alla quota massima (1.847 m, Monte Soro). Infine aceri, frassini, alloro ed il tasso, rarità dei Nebrodi. Nel sottobosco, agrifoglio, biancospino, pungitopo e altri.

Inserire testo che descrive l'immagine quando questa viene inserita

Il sito ufficiale del Parco dei Nebrodi


Torna alle offerte naturalistiche.