lunedì, 18 novembre 2019
Home | Parchi, riserve ed aree protette | Sport all'aria aperta
Parchi riserve ed aree protette

Sport all'aria aperta

Le aree protette sono una palestra inesauribile per il trekking. In Sicilia è un'esperienza unica poter salire sui vulcani attivi con vista sul mare come lo Stromboli (Isole Eolie) la cui ascensione inizia subito dopo il tramonto (obbligatoria la guida locale autorizzata), o l'Etna, con sentieri di varia tipologia e difficoltà. Non meno praticati sono il free-climbing, il rafting lungo cascate e fiumi dell'Alcantara, le passeggiate a cavallo nei boschi, la speleologia in grotta, il volo in deltaplano tra mare e colline. Per gli amanti della speleologia, in provincia di Palermo si trovano imponenti masse rocciose di origine calcarea come il Monte Quacella (Palermo) a pochi chilometri da Petralia Soprana, oppure Monte Cane, Monte Genuardo, Monte Pellegrino e Rocca Busambra, veri paradisi per i rocciatori. Ancora escursioni in grotta alla Grotta Carburangeli a Carini o alle Serre di Ciminna (entrambi nel palermitano), la cui formazione risale a circa sei milioni di anni fa, quando il Mar Mediterraneo era una sorta di grande lago salato. Qui si trovano numerose grotte a sviluppo longitudinale che per circa 80 metri si addentrano nel grembo della terra. In alcune si rinvengono segni e graffiti, antichissime tracce dell'uomo, attrazione per speleologi e naturalisti. Attorno alla Rocca Busambra, cresce rigoglioso il Bosco della Ficuzza ricco di lecci, castagni, frassini. Numerosi sono nella zona i sentieri per l'escursionismo di media difficoltà e per le passeggiate in mountain bike su sentieri adeguatamente segnalati. Il golf è invece praticato in luoghi naturali di rara bellezza: a Castiglione di Sicilia nel Parco dell'Etna ed a Collesano alle porte del Parco delle Madonie. Tra i numerosissimi sentieri, per appassionati di trekking a piedi o a cavallo, sono da preferire quelli che giungono in alto, dove lo sguardo spazia su tutta la Sicilia. Per gli escursionisti più esperti, da consigliare il sentiero che, oltre l'abitato di Polizzi, conduce al Vallone Madonna degli Angeli. Il percorso segnato ed in ottime condizioni si snoda prima lungo una strada forestale, poi si addentra tra boschi di faggio. Di notevole fascino paesaggistico ed interesse botanico - siamo sul versante di Castelbuono, dominato da castagni e da querce secolari di straordinarie dimensioni - è il sentiero che da Piano Sempria conduce al bosco di agrifogli giganti di Piano Pomo, in un'atmosfera da fiaba. Sui Nebrodi si passeggia tra i sentieri didattici della Tassita di Caronia lungo i siti di produzione del carbone, 'i fussuni', oppure sotto le spettacolari rocche del Castro, ad Alcara Li Fusi, aspettando di avvistare il volo dei grifoni stanziali che vivono tra queste rupi.

Sport

Per localizzare meglio i parchi  divertimento, può esservi utile scaricare il seguente file (.kmz).
Per utilizzarlo dovrete prima istallare gratuitamente GoogleEarth nel vostro computer.
Questo software vi consentirà di predisporre il migliore itinerario per raggiungerle.