mercoledì, 07 dicembre 2022
INDICE ALFABETICO
Home | Comuni e Località | Territorio di Messina - Main Page | Turismo culturale popolare e delle antiche tradizioni | La tradizione del presepe vivente

Turismo culturale popolare e delle antiche tradizioni: IL PRESEPE VIVENTE



Il Presepe Vivente di Castanea delle Furie - Messina

Rappresentazioni: nei giorni 25, 26, 27, 29 e 30 Dicembre 2015 e il 1, 2, 3, 5, 6, 8, 9 e 10 Gennaio 2016 in orario 17,30-19,30 (il 29 e 30 Dicembre e il 5 e 8 Gennaio l'apertura è alle 18,30)



Messina (località Castanea): il XXIV Presepe Vivente

Messina (località Castanea): Il tradizionale Presepe Vivente dal 25 dicembre al 6 gennaio

Percorso tra vicoli e "vanedde" di un "Villaggio bethlemmiano" vivente, realizzato all'interno dell'antichissimo Casale di Castanea delle Furie. Attraverso la ricostruzione presepiale, non folkloristica, la manifestazione contribuisce a tramandare una intensa religiosità popolare quale il culto e la devozione al Bambino Gesù. Gli ambienti, i tipi umani, gli strumenti di lavoro, le suppellettili e gli arredi che compongono tutti i quadri viventi di questa rappresentazione "en plain air", attingono proprio dal vissuto degli abitanti di Castanea, dai loro segni autentici di una civiltà e di una cultura agro pastorale che un tempo scandiva i giorni del villaggio nella sua "storia senza potere". Orario fruizione percorso: 17,30-19,30. Chiuso il 31 dicembre. Info +39 090318004 - info@giovannadarco.org

Presepe Vivente di Castanea
Presepe Vivente di Castanea


L'interesse etno-antropologico del Presepe Vivente (testo di Mario Sergio Todesco)

L'istituto culturale del Presepe è uno dei più fertili campi di analisi nell'ambito degli studi di antropologia religiosa e costituisce al contempo, come manufatto o come scena, un pertinente punto di partenza per avviare una riflessione sulle rappresentazioni iconografiche e plastiche della natività del Cristo. Le fonti evangeliche sulla natività sono Luca e Matteo, cui vanno aggiunti numerosissimi vangeli apocrifi, che dal II al VI secolo circa dell'era volgare ebbero una straordinaria proliferazione in tutto il Medio Oriente e che tra il '500 e il '600 arrivarono in copie manoscritte anche in Occidente. Tra questi vangeli apocrifi si ricordano il Protovangelo di Giacomo, l'Evangelo Arabo dell'infanzia e l'Evangelo della Natività dello Pseudo-Matteo. Da queste fonti traggono origine le prime rappresentazioni paleocristiane della natività. Da tale data si assiste progressivamente ad una sempre più analitica raffigurazione di alcuni personaggi, presenti nelle descrizioni evangeliche, che entreranno a far parte dell'assetto definitivo della natività, ossia i pastori, gli angeli, il bue e l'asino ed i Magi. Nella notte di Natale del 1223 col presepe vivente di Greccio si ebbe la prima rappresentazione presepiale della natività; la nascita di Gesù venne così fissata per sempre, a livello iconografico, come strettamente connessa con l'annuncio dei pastori. Secondo le fonti apocrife, questi ultimi sono i primi a lodare e glorificare Dio per la nascita di Cristo e fanno questo "seguendo l'esempio degli angeli" che appaiono come presenze celesti sulla grotta. In epoca moderna la scena presepiale si costituisce essenzialmente come spazio sacro, come luogo deputato di un evento salvifico.

Presepe Vivente di Castanea
Presepe Vivente di Castanea


Sviluppo del Presepe monumentale in Sicilia

In Sicilia tra il '400 ed il '500 si registra la presenza del presepe di tipo monumentale, ossia con gruppi statuari di dimensioni naturali, e nei secoli XVII e XVIII si assiste ad una grande fioritura presepistica. Sulla scena del presepe si aggiunge così una miriade di personaggi estranei ai Vangeli, provenienti anche dalla realtà popolare urbana oltre che da quella agro-pastorale e contadina. L'ingresso di personaggi e di situazioni provenienti da ambiti culturali cittadini è probabilmente l'esito del lavoro espresso dai nuovi ceti emergenti che cercano di conquistarsi uno spazio sociale anche sulla scena del presepe. Un esempio di tale vivacità sociale è offerto, per quanto attiene ai presepi tradizionali siciliani, dalla formalizzazione dei ruoli presepiali presenti nelle descrizioni di Giuseppe Pitrè. La conquista di nuovi spazi sociali da parte dei ceti popolari in Sicilia è anche da far risalire alla stretta parentela del presepe, in specie di quello animato, con le rappresentazioni teatrali sacre e profane, fra le quali occorre menzionare espressamente almeno le casazze, i misteri, le dimostranze, le rappresentazioni mute di episodi evangelici e le pastorali sei-settecentesche.

Presepe Vivente di Castanea
Presepe Vivente di Castanea


Nelle rappresentazioni presepiali le fasi salienti della storia dell'uomo

In tutti questi tipi di rappresentazioni si può scorgere l'uso, consolidatosi nel tempo, di fissare in una serie di tableaux vivents le fasi salienti della storia dell'uomo; in più, è presente nella natività ed in tutte le scenografie pastorali lo sforzo di registrare e rendere più consueto, domestico, familiare un evento esemplare che per sua stessa tipologia si colloca al livello del mito, o di un fatto numinoso accaduto in illo tempore che proprio per la sua natura fonda e garantisce la storia successiva. La sacra laude, la sacra rappresentazione, l'immagine devota a quella sorta di "machina festiva" immobile che è il presepe, hanno, pertanto, in una più generale ottica antropologica, la funzione di riattualizzare ritualmente un evento mitico rendendolo fruibile all'interno di un tempo sospeso, di una dimensione metastorica entro cui la comunità avverte periodicamente l'esigenza di immergersi.

Presepe Vivente di Castanea
Presepe Vivente di Castanea


Il Presepe Vivente di Castanea: fenomeno di massa di rilevante interesse etno-antropologico

Il Presepe Vivente di Castanea fa parte integrante della storia che qui sommariamente si è delineata. Il coinvolgimento di circa trecentocinquanta comparse, la restituzione visiva alquanto accurata di un notevole numero di ambienti lavorativi, artigianali e sociali, relativi tanto all'ambito extraurbano che a quello urbano, all'interno di un hortus conclusus configurantesi come spazio sacro, depongono a favore di un fenomeno di massa di rilevante interesse etno-antropologico, interesse ancor più motivato dal fatto che per l'allestimento degli ambienti che compongono i quadri viventi proposti vengono impiegati strumenti di lavoro, suppellettili e attrezzi autentici, provenienti dalle famiglie del paese che dal mese di ottobre in poi collaborano comunitariamente alla preparazione di tale singolare palcoscenico multiplo entro il quale, oltre che gli emblemi di una storia sacra, vengono esibiti i manufatti di una memoria storica. Il Presepe Vivente di Castanea è coniugazione del recupero di una devozione popolare assai consolidata in Sicilia quale il culto e la devozione al Bambino Gesù attraverso la ricostruzione presepiale e dell'elemento spettacolare proposto attraverso la ricostruzione di ambienti e di situazioni storicamente e antropologicamente attendibili. (Fonte Associazione Giovanna D'Arco - organizzazione Presepe vivente di Castanea - info: +39 090318004 - info@giovannadarco.org)

Presepe Vivente di Castanea
Presepe Vivente di Castanea


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Presepe Vivente di Santa Lucia del Mela

Rappresentazioni: nei giorni 25 e 26 Dicembre 2015 e il 1 e 6 Gennaio 2016, in orario 17,30-19,30



santa lucia del mela presepe vivente

Santa Lucia del Mela: il Presepe Vivente Luciese nel centro storico

Vera e propria rappresentazione teatrale che consente al visitatore di immergersi completamente nella realtà, avvolto dai profumi, dalle litanie, dai rumori, dalle musiche e dai sapori dei cibi lungo il percorso. Coniugazione tra religione e cultura tradizionale luciese, per la conoscenza dell'identità collettiva di un luogo e del patrimonio dei saperi tradizionali. Da visitare: il Castello arabo-svevo-aragonese, la Basilica Cattedrale, il Palazzo Vescovile, il Convento e la Chiesa dei Cappuccini, la Chiesa dell'Annunziata, la Chiesa e il convento del Sacro Cuore. La rappresentazione teatrale riguarda gli antichi mestieri, la natività, la Tenda dei Re Magi e il Palazzo di Erode. Il presepe vivente è rappresentato nel Parco Urbano di Santa Lucia del Mela o nel centro storico del paese, accanto alla Basilica Cattedrale, al Palazzo Vescovile, alla Cripta e Convento dei Cappuccini e alla Chiesa di San Nicola. Lungo il percorso, il visitatore incontra diversi scenari, con artisti e figuranti tra cui: il falegname, lo speziale, la lavandaia, l'artigiano della carta e delle candele, il canestraio, la massaia, fino ad arrivare alla Capanna. L'atmosfera è allietata dalle melodie dei ciaramiddari, che con musiche e canti natalizi, propri della tradizione siciliana, rendono ancora più suggestiva la rappresentazione. Nel Tempio di Erode, il Re appare durante un banchetto ricco e sfarzoso in compagnia di quattro ospiti. La cena è allietata dalla danza orientale di due ballerine sinuose e affascinanti vestite come odalische. Info: assoantichetorri@tiscali.it - telefono +39 3286567118 - 3342472434

S.Lucia del Mela: presepe vivente
S.Lucia Mela: presepe vivente


S.Lucia del Mela: presepe vivente
S.Lucia Mela: presepe vivente


S.Lucia Mela: presepe vivente
S.Lucia Mela: presepe vivente


S.Lucia Mela: presepe vivente
S.Lucia Mela: presepe vivente


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Paese Presepe di Piraino

Piraino:

Piraino: Il "Paese Presepe". L'edizione 2014 il 27 dicembre a partire dalle ore 17

La rappresentazione nell'incantevole scenario del centro storico del "Comune delle due torri", sviluppatosi a partire dal secolo XI. Centinaia saranno i personaggi impegnati, tutti in costumi d'epoca e immersi in ambientazioni rievocative ricostruite con scrupolo fra vecchie dimore e palazzi nobiliari. L'antico borgo medievale, con i suoi vicoli illuminati da candele e lumi, la sua atmosfera raccolta, accoglie tutti i "quadri" del presepe abilmente ricostruiti; diversi gli ambienti familiari riproposti, l'antico forno a legna, il lavatoio, il mercato, la corte di Erode, il Tempio ma anche l'osteria, il macello, l'ovile, la falegnameria, la forgia, via via fino alla Santa Natività, ospitata all'interno di una vera grotta, ricca di magiche suggestioni. Info: telefono +39 0941586317 - fax +39 0941585121 - urp.piraino@comune.piraino.me.it

Piraino: Paese Presepe
Piraino: Paese Presepe


Piraino: Paese Presepe
Piraino: Paese Presepe


Piraino: Paese Presepe
Piraino: Paese Presepe


Piraino: Paese Presepe
Piraino: Paese Presepe


Piraino: Paese Presepe
Piraino: Paese Presepe


Il Presepe Vivente di Monforte San Giorgio

Rappresentazioni: nei giorni 25 e 26 Dicembre 2015 e 1, 3 e 6 Gennaio 2016 in orario 17,30-20,30



Il Presepe Vivente di Monforte San Giorgio: una storia d'amore raccontata, tra recitazione e scene a

Il Presepe Vivente di Monforte San Giorgio: una storia d'amore raccontata, tra recitazione e scene animate

Rappresentazione unica nel suo genere: superata la porta d'ingresso, inizia così una sorta di viaggio a ritroso nel tempo fino a trovarsi a passeggiare nella Betlemme di 2000 anni fa. Lungo un percorso guidato, ci si meraviglia osservando gli eventi enunciati dagli evangelisti Luca e Matteo nei loro vangeli e, interpretati da bravissimi attori impegnati nella rievocazione delle figure dei magi e del loro viaggio a seguito di una stella, di una giovane fanciulla di nome Maria e del suo straordinario e angelico incontro, del povero falegname Giuseppe, di un tiranno re Erode, impaurito da una lontana profezia e tanto altro ancora. Un presepe vivente, che raccontando la venuta al mondo del Salvatore, è destinato a rivalutare "il verbo". In tal modo, fra situazioni rese magiche da caratteristiche melodie, si scopre la povertà del piccolo villaggio di Nazareth, disarmante al confronto con lo sfarzoso palazzo di Erode. Il turista incontra poi i luoghi del censimento romano, ordinato dall'Imperatore Cesare Augusto in un'antica e immaginaria Gerusalemme, i sacerdoti del Sinedrio in preghiera per il prossimo arrivo del Messia, il luminoso mercato con affaccendati venditori, fabbri, falegnami, danzatrici, fornai, chiromanti e le osterie del Gallo D'oro e del Cavaliere Grigio e quegli alberghi che negarono un alloggio per la notte ad un falegname con la sua sposa incinta. Seguendo il suono armonioso di una ciaramella, il viaggiatore si sente coinvolto dalle caratteristiche atmosfere, divenendo un umile pastore al quale la vita non ha dato nulla se non la speranza di poter ricevere un dono. E' a questo pastore che un angelo indicherà la strada da seguire per giungere, infiltrandosi fra i magi e i loro doni, alla presenza della natività che rappresenta la via, la verità e la vita. Info: +39 3342054095 - presepe@acmonforte.it

Monforte San Giorgio: Presepe Vivente
Monforte San Giorgio: Presepe


Presepe vivente Monforte
Presepe vivente Monforte S.G.


Presepe vivente Monforte
Presepe vivente Monforte S.G.


Presepe vivente Monforte
Presepe vivente Monforte S.G.


Presepe vivente Monforte
Presepe vivente Monforte S.G.


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Presepe Vivente di Novara di Sicilia

Il Presepe vivente nel borgo di Novara di Sicilia, promosso tra i più belli d'Italia

Il Presepe vivente nel borgo di Novara di Sicilia, già promosso tra i più belli d'Italia

Per le viuzze ed i vicoli che si snodano attraverso l'antico borgo, nelle cantine e nei portoni vengono allestiti le scene della tradizione popolare novarese. Arti e mestieri vengono proposti con le tecniche di lavorazione e gli strumenti dei tempi che furono. Nelle piazze e nella via principale è possibile ammirare i 100 presepi che gli appassionati, le scolaresche e gli artisti hanno creato per l'occasione, e passeggiare lungo il mercato artigianale e in ogni serata una degustazione di pietanze tradizionali. Programma 2014. Il 6 gennaio l'arrivo dei Re Magi. I giorni delle rappresentazioni degustazioni di prodotti tipici e gastronomia locale "PE' E SOSIZZA" (pane e salsiccia), "A FASJUADA" (fagiolata), "PURENTA" (polenta), "U PÈ CAUDU 'CCÙ L'OGLIU NOVU" (pane caldo con l'olio nuovo), "I FRITTUI" (cotiche). Domenica 4 e martedì 6 gennaio 2015 Presepe vivente dalle ore 17.00 Arrivo dei Re Magi, segue la processione del Bambin Gesù dal luogo el presepe alla chiesa di San Francesco. Info e booking per gruppi e visite guidate: +39 3397694934. Tra le tipicità di Novara di Sicilia, inserito tra i Monti Nebrodi e i Peloritani, il formaggio Maiorchino e la parlata gallo-italico dei suoi abitanti, discendenti dei coloni e dei soldati provenienti dall'Italia settentrionale e dalla Francia meridionale che si stanziarono in queste zone a seguito della conquista normanna della Sicilia.

Novara Sicilia: panorama
Novara Sicilia: panorama


Novara Sicilia: Presepe vivente
Novara Sicilia: Presepe


Novara Sicilia: Presepe vivente
Novara Sicilia: Presepe


Novara Sicilia: Presepe vivente
Novara Sicilia: Presepe


Novara Sicilia: Presepe vivente
Novara Sicilia: Presepe


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Presepe Vivente di Militello Rosmarino

Rappresentazioni: nei giorni 26 e 28 Dicembre 2015 e 3 e 5 Gennaio 2016



Nel piccolo borgo di Militello Rosmarino le suggestive magie del Natale

Nel piccolo borgo di Militello Rosmarino le suggestive magie del Natale

A Militello Rosmarino, paesino sulla fascia tirrenica della Sicilia settentrionale nel territorio di Messina, il tradizionale e suggestivo Presepe Vivente. Nelle caratteristiche viuzze del centro antico sulle quali si affacciano case e "catoj" di un tempo ormai remoto, rivivono i mestieri quasi sconosciuti per le generazioni moderne e le scene di vita di un tempo nostalgicamente lontano. Odori, suoni, colori e sapori si fondono per rendere omaggio al più grande dei misteri dell'umanità: l'essenza divina incarnata in un piccolo bambino in fasce. La kermesse che unisce in una profonda sintonia religiosità e tradizioni popolari si prefigge di riportare alla vita quella complessa trama di gioie, fatiche, attesa, meraviglia, quotidianità e convivialità che una volta scandivano la ruota del tempo nel piccolo borgo della Valdemone. Le stradine da mute tornano a parlare, le case da spente tornano a vivere e tutto ciò sotto l'aura del più grande miracolo di tutti i tempi: Dio che per noi si è fatto uomo. I quadri viventi del presepe vogliono rappresentare scene di vita popolare tipiche del territorio nell'800 e 900 del millennio appena trascorso: ai mestieri come il calzolaio, il fabbro, il falegname, l'intrecciatore di giunchi, il pastore, il venditore di generi alimentari, il calderaio, il farmacista, la ricamatrice, la tessitrice, il panettiere, il sarto, il commerciante e così via si giustappongono scene della quotidianità più semplice e genuina, come la vita in famiglia, la "vigghiata" (veglia) attorno al braciere, le risate nella taverna, il gioco dei bambini, la scolaresca dal maestro, gli allievi della banda musicale, il pittore e molti altri ancora. Ovviamente in tale contesto non possono mancare le degustazioni dei prodotti di nicchia del comprensorio: il vino, il pane, l'olio, i formaggi e i legumi.

Info: www.presepeviventemilitello.it - presepeviventemilitello@gmail.com - +39 3493375923 - 3270471415



Fiaccole di San Biagio
Fiaccole di San Biagio


Lisciva per il bucato
Lisciva per il bucato


Fucina del fabbro
Fucina del fabbro


La famiglia
La famiglia


La cantina
La cantina


Il sarto
Il sarto


Il macellaio
Il macellaio


Il calzolaio
Il calzolaio


I cestai
I cestai


I cestai
I cestai


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Presepe Vivente di Montalbano Elicona

Montalbano Elicona: il Presepe Vivente identità della comunità

Montalbano Elicona: il Presepe Vivente nel rispetto della storia e dei valori tramandati nei secoli

Evento consolidato nel tempo, già premiato come migliore Presepe di Sicilia, è diventato elemento rappresentativo dell'identità della comunità montalbanese per il valore riconosciuto alle tradizioni popolari locali. Il Presepe Vivente di Montalbano Elicona, di notevole valenza culturale e religiosa ad impatto fortemente turistico, permette l'entusiastico coinvolgimento di bambini, giovani, anziani e immigrati nella rappresentazione degli antichi mestieri riproposti negli ambienti rimasti intatti nel tempo. Le pietre antiche del borgo medievale tornano a vivere nell'atmosfera magica del Natale che, come ogni anno, si veste con la pelle dei pastori, con le tuniche degli artigiani e con costumi broccati d'oriente. Sono case disabitate, ma colme di storia autentica, di quotidianità vissuta dalle famiglie. Gli abitanti della cittadina duecentesca riportano ogni anno a nuova vita il tranquillo quotidiano di un lontano villaggio, in cui, mentre il pane cuoce nei forni a legna ed il fabbro anima le scintille del ferro battuto, mentre nelle antiche botteghe e nei mercatini tornano a far bella mostra di sé ricotte fresche, formaggi e provole e quant'altro rappresenti le produzioni tipiche del luogo, ai piedi del vetusto Castello viene alla luce la speranza. È un intero paese che si trasforma nell'abbigliamento e nelle attività, che in questo angolo montano, circondato dalla magia della riserva naturale Bosco di Malabotta, uno dei boschi più antichi della Sicilia, dai misteriosi Megaliti dell'Argimusco, ritrova nella sua stessa storia e nel suo stesso vissuto le trame della più bella storia del mondo, quella della venuta dell'uomo. Il Presepe Vivente, organizzato nella parte più antica del borgo medievale, il quartiere Serro, è visitabile dal 26 al 30 Dicembre e il 6 Gennaio. Inizio ore 17,30. Ingresso gratuito. Info +39 0941679012 - 0941678019 - 0941679473

Montalbano E.: Presepe Vivente
Montalbano E.: Presepe Vivente


Montalbano Elicona: il Castello medievale e il riconoscimento di borgo tra i più belli d'Italia

La prima notizia ufficiale sul toponimo di Montalbano Elicona è quella del geografo arabo Edrisi che nel "libro del re Ruggero", descriveva: "la roccia di Montalbano posta in mezzo ad alte montagne, è aspra a salirvi e a scenderne. Non ha pari per l'abbondanza del bestiame, del miele e d'ogni altro prodotto agrario...". Inizialmente, in epoca normanna e poi durante il periodo svevo, fu possedimento demaniale. L'elemento storico architettonico più significativo di Montalbano Elicona è l'edificio castellare che domina un tessuto medievale irregolare e tortuoso che si adatta all'orografia del promontorio roccioso. Edificato su preesistenze bizantine ed arabe, il castello è costituito in alto da un fortilizio normanno-svevo e in basso dal palatium fortificato svevo-aragonese. La parte superiore, una fortezza rettangolare, è chiusa all'estremità da due torri, una a pianta quadrata e l'altra, tipicamente sveva, a pianta pentagonale, con funzione di maschio. Al periodo svevo è da ascrivere la muratura perimetrale merlata che rappresenta la configurazione difensiva più importante è meglio conservata in Sicilia. Montalbano Elicona è stato inserito dal club di prodotto dell'ANCI nei 230 borghi più belli d'Italia.

Montalbano E.: Presepe Vivente
Montalbano E.: Presepe Vivente


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Presepe Vivente "U Viaggiu Dulurusu" di Mistretta

Rappresentazioni: il 27 e 28 Dicembre 2015 dalle ore 18. Spettacolo itinerante e a seguire degustazione di prodotti tipici.



Mistretta: Presepe Vivente

Mistretta: Presepe Vivente "U Viaggiu Dulurusu"

Il Presepe vivente di Mistretta è uno spettacolo itinerante che ha una valenza religiosa e nel contempo valorizza gli antichi quartieri e i mestieri di un tempo. Nel 2014 "U Viaggiu Dulurusu" ha attraversato le vie di tre antichi quartieri: Sant'Antonio Abate, Rivinusa e Roccazzo, belli e suggestivi per l'aspetto architettonico e ricchi di memoria storica. Luoghi che hanno affascinato anche il pittore Renato Guttuso per la bellezza dei tetti, ritratti nel quadro "I tetti di Via Leonina" e lo scrittore Vincenzo Consolo per l'originalità dei toponimi, misteri della civiltà araba, tanto da volerne inventare una storia romanzata. Il percorso è stato un viaggio attraverso il tempo, dove si ritrovano aspetti del novecento, dell'ottocento, del seicento fino a scoprire frammenti della società romana. Tra i luoghi storici più importanti e suggestivi interessati nel percorso del "viaggio doloroso": la chiesetta della Madonna di Rivinusa, fatta erigere, per voto, dal conte Ruggero il normanno nel 1063, ubicata nel vicolo più stretto del borgo e le grotte di Roccazzo dalla bellezza selvaggia, dove sono state impiantate le antiche botteghe artigianali. Nel 2013 il presepe vivente ha interessato il Quartiere "Casazza" dove, fin da 1612, si sono svolte le rappresentazioni sacre. Il nome Casazza deriva dalla casacca indossata dai confratelli che recitavano le varie parti delle rappresentazioni. Quest'anno, la rappresentazione sacra prenderà il via da un luogo significativo per la storia amastratina: Largo Progresso, famoso come Chianu i Sammicienzu. In questo slargo, nel cuore del centro storico, nel 258 a. C. i Romani, dopo essersi accampati sul pendio di Pizzo Sant'Arianna, riuscirono a conquistare l'antica Amestratus - Mytistratum, passando per l'odierna Porta Palermo. Lo spettacolo itinerante nel cento storico, accompagnato da un canto settecentesco del frate Benedetto Annileru, ripropone il viaggio di Maria e Giuseppe prima di arrivare a Betlemme e la successiva nascita di

Mistretta: panorama invernale
Mistretta: panorama invernale


Presepe Vivente di Mistretta
Presepe Vivente di Mistretta


Presepe Vivente di Mistretta
Presepe Vivente di Mistretta


Il Presepe Vivente di Mistretta per la valorizzazione dei quartieri antichi

Nel 2010 il primo Presepe Vivente di Mistretta è stato organizzato all'interno della Chiesa Madre, con la riproposizione di un canto settecentesco del frate Benedetto Annileru che tratta il viaggio di Maria e Giuseppe prima di arrivare a Betlemme e la successiva nascita di Gesù. Nel 2011 l'evento si è svolto nelle vie del centro storico, con allestimento all'interno dei fondachi (in dialetto catuoi), lungo il percorso, delle antiche casette e di varie botteghe artigiane. Nel 2012 il presepe è stato nel quartiere San Nicolò con conclusione presso l'ex Largo Balatazze-Catafurchi, due nomi particolarmente interessanti. Il primo, Balatazze, poichè lo slargo era pavimentato con delle "balate", lastre di pietra piatta, nome che viene dall'arabo "balath", mentre il secondo, Catafurchi proviene dal greco kata e furkos, che significano mura di difesa, infatti nella parte sovrastante lo slargo vi si trovavano le mura di difesa dell'antica Amestratos - Mytistratus. Nell'edizione 2012 si è aggiunta la degustazione dei prodotti tipici locali. (Fonte Centro Cuturale Comune di Mistretta)

Presepe Vivente di Mistretta
Presepe Vivente di Mistretta


Presepe Vivente di Mistretta
Presepe Vivente di Mistretta


Mistretta: panorama paese
Mistretta: panorama paese


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Info: Associazione Sportiva Atletica Amastratina +39 0921383418 - 3497140133 - Centro Culturale del Comune di Mistretta +39 0921381677 - presvivmistretta@libero.it



Il Presepe Vivente di Falcone nell'antico borgo Belvedere

Rappresentazioni: il 27 Dicembre 2015, il 3 e 6 Gennaio 2016 dalle ore 17



Falcone: il Presepe Vivente nell'antico borgo Belvedere

Falcone: il Presepe Vivente nell'antico borgo Belvedere

L'antico borgo di Belvedere è arroccato su un'altura che si apre su un paesaggio dove dominano il mare e il Santuario del Tindari. Inoltrandosi tra le viuzze del borgo si ha la sensazione di addentrarsi in un mondo lontano. In questo contesto, si inserisce il Presepe Vivente. La rappresentazione è resa ancora più suggestiva dalla conformazione territoriale del borgo che, con le sue stradine, i suoi viottoli e le particolari scalinate in pietra, diventano luoghi privilegiati e ideali per ospitare i figuranti, dislocati nelle antiche case in pietra, impegnati nei loro "mestieri", dopo aver recuperato strumenti ormai in disuso e dimenticati. Il passato prevale sul presente creando un'atmosfera oramai perduta nel tempo e ora, per pochi giorni, recuperata.

Falcone (Belvedere): Presepe Vivente
Falcone (Belvedere): Presepe


Falcone (Belvedere): Presepe Vivente
Falcone (Belvedere): Presepe


Falcone (Belvedere): Presepe Vivente
Falcone (Belvedere): Presepe


Il percorso del Presepe Vivente di Belvedere

Lungo il percorso, il visitatore avrà modo di soffermarsi ed ammirare il lavoro del "ciabattino", del "falegname", delle "filatrici" delle "ricamatrici" del "mola coltelli", delle "terrecotte", dell'"impagliatore", della "saponaia". La quiete appositamente ricreata, per consentire di interiorizzare il significato vero della natività, è interrotta solo dal "lieto" rumore degli artigiani intenti nell'abituale lavoro. In quest'atmosfera perfettamente si amalgamano e si fondono gli antichi sapori: la "ricotta calda", le "sfingi", il "pane e i biscotti" tipici appena sfornati dal forno a legna in pietra collocato lungo il percorso, la "polenta", le "caldarroste" arrostite sulla brace estratta dal forno, guideranno i visitatori alla grotta, ricostruita nelle linee essenziali, dove un coro di bambini con dolci nenie natalizie, li condurranno davanti alla Sacra Famiglia. I visitatori, dirigendosi infine verso l'uscita avranno modo di visitare il mercatino di Natale realizzato dai volontari e gustare il "vino bollito" condito con aromi e fragranze. Info: +39 3401965660 - info@leradicidelcuore.it

Falcone (Belvedere): Presepe Vivente
Falcone (Belvedere): Presepe


Falcone (Belvedere): Presepe
Falcone (Belvedere): Presepe


Falcone (Belvedere): Presepe
Falcone (Belvedere): Presepe


Falcone (Belvedere): Presepe
Falcone (Belvedere): Presepe


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Presepe Vivente nel Castello di Milazzo

Rappresentazioni: nei giorni 26 e 27 Dicembre 2015 e il Gennaio 2016 in orario 17,00-21,00. Ingresso a pagamento. Sono previste tre rappresentazioni: Quadro di Erode - con musiche e danze orientali - Quadro del Governatore - con scene danzanti - Quadro della Natività - giocoleria con fuoco. Info: +39 3475471594 -3478218583. (Bus Navetta a pagamento dal Centro al Borgo, zona limitrofa al Castello di Milazzo)
 



Milazzo: il Presepe Vivente al Castello

Milazzo: il Presepe Vivente al Castello

Varcando la soglia del Castello, simbolo identitario di una Milazzo fatta di tradizione e cultura, con il Presepe Vivente si compie un virtuale viaggio nel tempo fino alla Palestina dell'anno zero, ricostruita su quattro tappe antropologiche: l'accampamento romano, con la forte presenza dell'apparato militare e l'entourage religioso e godereccio che ha sempre accompagnato l'identità dei viri conquistatori; la voluttuosa zona orientale, colma di musiche suadenti e danzatrici del ventre; la Betlemme ebraica e Nazareth, luogo di nascita di Gesù ma anche sede di commerci, centro pulsante di vita inconsapevolmente illuminato dalla sacralità della tradizione evangelica.

Milazzo: il Castello
Milazzo: il Castello


Milazzo: il Castello
Milazzo: il Castello


Milazzo: il Castello
Milazzo: il Castello


Il Presepe vivente di Milazzo oltre la concezione tradizionale

Iniziativa diversa quella di Milazzo che si propone di superare la concezione tradizionale del Presepe vivente, amplificando il senso di inclusione dello spettatore in un momento di vita vissuta: accanto alle classiche scene vengono quindi proposti momenti di recitazione, danza e musica dal vivo, ricreando uno stile di vita anziché accontentarsi di abbozzarlo. Il progetto nasce dalla convinzione che l'identità territoriale sia una ricchezza e risieda nell'apporto culturale, tradizionale e creativo che ogni partecipante può conferire all'evento. Nell'edizione 2013 è stato previsto anche un laboratorio del cioccolato realizzato dalla Cooperativa sociale Quetzal- la Bottega solidale, con illustrazione del percorso di trasformazione del seme di cacao nel prodotto finito. La scelta del luogo non è casuale. La cittadella fortificata di Milazzo, formatasi con il contributo delle dominazioni avvicendatesi nella città, è simbolo della forza creatrice scaturita dall'interazione tra culture diverse, che, portate a coesistere, creano ricchezza in termini culturali e materiali. Le dimensioni e la struttura stessa del Castello lo rendono una sede ideale, nel quale far convivere armoniosamente le diverse componenti. Il Presepe vivente è visitabile con percorso libero e partenza dall'ingresso del Castello. Info: +39 3892571878 - 3892571928 - compagniadelcastellomilazzo@gmail.com (Collaborazione e foto "La Compagnia del Castello" di Milazzo)

Milazzo: il Castello
Milazzo: il Castello


Milazzo: il Castello
Milazzo: il Castello


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


Il Presepe Vivente di Capizzi

Rappresentazioni: il 24 e 27 Dicembre 2015



Il Presepe Vivente di Capizzi: originalità e identità culturale del territorio

Il Presepe Vivente di Capizzi: originalità e identità culturale del territorio

Inscenato nelle stradine e nelle piazze del paese, l'evento trasforma una parte del centro storico in un angolo della Betlemme della Natività. Un affascinante ritorno al passato in una indimenticabile città piena di valori storici, religiosi, culturali e di ospitalità. Numerosi i figuranti che danno vita alle varie botteghe, per la riscoperta e la valorizzazione delle diverse forme di artigianato, da quella del maniscalco al cestaio, dal fabbro al muratore, dall'artigiano della pietra al laboratorio degli artisti, dalle massaie che preparano dolci della tradizione capitina ai mastri casari che producono il formaggio di una volta, al falegname che lavora il legno. Il presepe vivente diventa un'occasione per mettere in mostra la "memoria storica" locale con usi e abitudini oramai superati, ma di cui spesso si ha ricordo attraverso i racconti degli anziani o i detti di uso comune. I visitatori percorrono l'itinerario accompagnati dal suono delle zampogne e da gruppi che intonano canti natalizi. E' l'occasione per visitare Capizzi, rimanendo incantati dai palazzi, dalle case nobiliari, dal tessuto urbano e dalle chiese, tra cui le maggiori sono la Chiesa Matrice e la Chiesa di San Giacomo che per l'occasione sono aperte al pubblico per mostrare lo stile e le opere in esse conservate, a testimonianza della magnificenza del passato e della remota vetustà della cittadina; un patrimonio dall'impareggiabile valore storico e dall'elevato pregio architettonico. La storia e la cultura di Capizzi sono ancora oggi testimoniate da numerose tradizioni, spesso trasformati in eventi e manifestazioni, organizzati nei diversi periodi dell'anno. Info +39 0935933315 - 3381893548 (Comune di Capizzi)

Capizzi: Presepe vivente
Capizzi: Presepe vivente


Capizzi: Presepe vivente
Capizzi: Presepe vivente


Capizzi: Presepe vivente
Capizzi: Presepe vivente


Capizzi: Presepe vivente
Capizzi: Presepe vivente


Capizzi: Presepe vivente
Capizzi: Presepe vivente


Capizzi: Presepe vivente
Capizzi: Presepe vivente


Presepe vivente 2014
Presepe vivente 2014


LOGO PORTALE
 
buon natale

Per richiedere informazioni:

redazione.strme@regione.sicilia.it