Sabato, 25 giugno 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | I 150 anni dalla spedizione dei mille | Sicilia 150 | Mille musiche e canti popolari | I canti popolari siciliani | Chi nova liggi

Chi nova liggi

Questa ottava tratta da un canto, raccolto a Palermo, Messina e Catania è espressione del grave scandalo che aveva suscitato il provvedimento del prodittatore Mordini per la censuazione e la redistribuzione dei beni di manomorta degli enti ecclesiastici. È chiara l'insinuazione, tipica della propaganda clericale, che il nuovo governo stesse tentando di arricchirsi alle spalle dei siciliani.

 

 

Chi nova liggi

Chi nova liggi ca vinni aguannu
Chi ognunu si diliggi a lu so rregnu!
Li cresii e li batii stanu spugghiannu
Li quattru sbirri di chistu guvernu!
Lu populu si java rivutannu
Ma si rivutirà tuttu lu regnu;
aspittamu stu jornu, e cui sa quannu?
Vinnitta si farrà sangu ppi sangu!

 

 

Che nuova Legge

Che nuova legge è venuta quest'anno
Che ognuno "si dirige" al proprio regno!
Le chiese e i conventi si vanno spogliando
I quattro sbirri di questo governo!
Il popolo s'andava rivoltando
Ma si rivolterà tutto il regno;
aspettiamo quel giorno, e chi sa quando?
Vendetta se ne farà sangue per sangue!

A.F.