Martedì, 24 maggio 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana | News

News

 

19-GEN-2019 - IL GOVERNO REGIONALE SOSTIENE I TEATRI SICILIANI PUBBLICI E PRIVATI CON 5 MILIONI

IL GOVERNO REGIONALE SOSTIENE I TEATRI SICILIANI PUBBLICI E PRIVATI CON 5 MILIONI
Presentato dal presidente Nello Musumeci con gli assessori Sebastiano Tusa e Sandro Pappalardo, presso la sede della Presidenza della Regione Siciliana a Palazzo D'Orleans, il bando che consente di accedere al finanziamento per gli interventi sui teatri siciliani.
"Da una ricognizione effettuata - ha dichiarato il presidente Musumeci - abbiamo scoperto, un po' a sorpresa, che in Sicilia ci sono 308 teatri minori, 197 di proprietà pubblica e 111 privati. Un monitoraggio che ha riguardato i teatri minori e dal quale è emerso che molte di queste sale non possono essere aperte al pubblico perché non a norma di legge, perché con carenze strutturali, perché mancano impianti tecncologici, la torre scenica, l'uscita di sicurezza, il materiale non infiammabile".
Secondo il bando predisposto dal Dirigente generale dell'Assessorato dei Beni culturali Sergio Alessandro, con un finanziamento massimo di 300mila euro per ogni soggetto attuatore potranno essere effettuati interventi di ripristino, ristrutturazione, messa a norma, qualificazione e innovazione tecnologica.
Una opportunità per i tanti teatri siciliani che potranno avviare quel processo di modernizzazione indispensabile anche per essere competitivi in campo nazionale e internazionale. Per i teatri e sedi di spettacolo di proprietà pubblica, la concessione del finanziamento sarà fino al 100% della spesa ritenuta ammissibile: per interventi su strutture private, il contributo economico non potrà superare l'80% della spesa considerata ammissibile. Tutti i progetti dovranno prevedere costi minimi di investimento di 100mila euro per interventi di ripristino, ristrutturazione, messa a norma e qualificazione; 40mila euro per interventi di innovazione tecnologica. I 5 milioni di euro sono stati appostati dalla Presidenza della Regione.
"La Sicilia - dichiara l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana Sebastiano Tusa - tra i tanti tesori di cui dispone, possiede una straordinaria varietà di teatri di varie dimensioni ed epoche che, oltre a costituire presidi di carattere culturale indispensabili nelle comunità locali, rappresentano un patrimonio storico e architettonico di grande pregio. E' dovere e interesse di questa regione - aggiunge Tusa - occuparsene per garantire la tutela attraverso una ricognizione del loro stato di salute e quindi intervenendo finanziariamente per la loro salvaguardia in supporto ai Comuni competenti".
La soglia minima di finanziamento rimane di 100mila euro per interventi che comprendono sia lavori di ristrutturazione che innovazione tecnologica. Sotto tale soglia minima le richieste non verranno ammesse al contributo: una scelta mirata a interventi di qualità e al fine di evitare dispersione di risorse finanziarie per progetti non adeguati al rilancio delle strutture. Previsto un solo progetto per territorio comunale, ad eccezione dei Comuni capoluogo di Provincia o di città metropolitana per i quali sono ammissibili fino a due domande.
Le richieste di finanziamento possono essere presentate entro il 15 marzo 2019 secondo uno schema pubblicato dall'Assessorato dei Beni culturali e dell'Identità siciliana sul sito web.
http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_AssBeniCulturali/PIR_BeniCulturaliAmbientali/PIR_Infoedocumenti/PIR_Avvisiecomunicazioni/PIR_AvvisopubblicoSettoreteatri