Martedý, 23 luglio 2024
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identitÓ siciliana | Info e documenti | Avvisi e comunicazioni | 03-GIU-2021-CAVALLI PIAZZA ARMERINA

03-GIU-2021 - ALLA VILLA DEL CASALE DI PIAZZA ARMERINA SI PARLA DEI CAVALLI NELLA TARDA ANTICHIT┴

Inserire testo che descrive l'immagine quando questa viene inserita

Il 5 giugno 2021 alle 17 alla Villa Romana del Casale di Piazza Armerina si svolgerÓ una conversazione di approfondimento sul tema dell'Allevamento di cavalli nel centro della Sicilia nella tarda antichitÓ con la D.ssa Antonella Arena - giovane laureata in scienze dell'archeologia e metodologia della ricerca storico-archeologica - che ha effettuato studi specifici sui marchi di scuderia presenti, oltre che in Sicilia, anche nei mosaici che si trovano in Spagna e a Cartagine.
L'esplorazione darÓ una particolare chiave di lettura sui mosaici a tema equestre presenti all'interno della Villa romana del Casale creando un'interessante relazione con i ritrovamenti della villa rurale di contrada Gerace, a circa 15 km a nord dalla Villa del Casale, che fanno ipotizzare che il luogo fosse un insediamento rurale dove si praticava l'allevamento e il commercio di cavalli destinati ai giochi e alle gare nei circhi romani.
"Un'inusuale lettura dei mosaici della Villa - dice il direttore del Parco archeologico di Morgantina e della Villa del Casale, Liborio Calascibetta - che ci accompagna in un suggestivo viaggio nel tempo evidenziando un aspetto caratteristico legato alla presenza dei cavalli nella Sicilia centrale durante l'antichitÓ".
"L'iniziativa proposta dal Parco di Morgantina - sottolinea l'assessore dei Beni culturali e dell'IdentitÓ siciliana, Alberto SamonÓ - evidenzia la molteplicitÓ degli sguardi con cui si pu˛ conoscere un sito archeologico ricco di interessanti ritrovamenti e suggestioni quale Ŕ la Villa romana del Casale, fastosa residenza inserita nel 1997 nella lista dei beni riconosciuti di interesse culturale dall'UNESCO".
"I bolli ritrovati in contrada Gerace - precisa Antonella Arena - raffigurano cavalli con ramo di palma e corona di alloro e l'iscrizione del nome di Philippianus, che ricorre altresý nel mosaico del pavimento del fridgidarium delle terme, suggeriscono come il proprietario avesse un allevamento di cavalli. Ipotesi confermata altresý dal ritrovamento di numerose ossa di cavalli adulti e puledri".

L'ingresso alla Villa del Casale Ŕ a pagamento secondo le tariffe ordinarie (Ŕ possibile acquistare il biglietto cumulativo) con prenotazione obbligatoria su: https://youline.eu/laculturariparte.html e sarÓ consentito secondo le modalitÓ anti COVID19 in atto vigenti.