Domenica, 26 settembre 2021
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identitÓ siciliana | Info e documenti | Avvisi e comunicazioni | 18-SET-2020-GELA PULIZIA

18-SET-2020 - OPERAZIONI DI RIPULITURA E DISERBAMENTO DELLE AREE ARCHEOLOGICHE DEL PARCO DI GELA.

Inserire testo che descrive l'immagine quando questa viene inserita

L'ASSESSORE SAMON└: "ATTIVIT└ IMPORTANTE PER METTERE IN SICUREZZA E PRESENTARE AL MEGLIO I NOSTRI TESORI CULTURALI. PARTIRE DALLE BIO-REGIONI PER RIPENSARE  ALLA POLITICA CULTURALE DEL TERRITORIO "

Sono in corso in questi giorni, ad opera del Servizio per il Territorio di Caltanissetta, operazioni di diserbamento e ripulitura di numerose aree all'interno del Parco archeologico di Gela. In particolare sono stati giÓ effettuati interventi di ripristino nell'Area di Palmintelli, operazioni di decespugliamento presso l'Acropoli di Molino a Vento, Sabucina, Gibil Gabib, per proseguire in tutte le restanti aree del Parco.

Gli interventi - sollecitati dall'Assessore dei Beni Culturali e dell'IdentitÓ Siciliana, Alberto SamonÓ - costituiscono per l'assessore "una necessaria attivitÓ di manutenzione che serve a mettere in sicurezza i luoghi rispetto al rischio di danneggiamenti, ma anche il presupposto per restituire dignitÓ alle testimonianze della nostra storia e immaginare un processo di valorizzazione".
L'assessore SamonÓ, infatti, in linea con le indicazioni del Governo Regionale e il progetto di complessiva messa a sistema che vede impegnato il direttore del Parco di Gela, Luigi Maria Gattuso, sostiene che "occorre ripensare ad una complessiva strategia di valorizzazione delle aree interne della Sicilia che rappresentano oggi un valore aggiunto nella complessiva proposta turistico-culturale nell'approccio europeo delle bio-regioni. La centralitÓ della provincia di Caltanissetta rispetto agli itinerari turistico-culturali della regione, il patrimonio storico-archeologico-monumentale e la peculiaritÓ di tradizioni e riti del territorio, ci invitano a rivedere nel suo complesso una politica di sviluppo territoriale che ha un potenziale turistico-culturale altissimo che riesce ad oggi ad intercettare in minima parte".