Domenica, 26 settembre 2021
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identitÓ siciliana | Info e documenti | Avvisi e comunicazioni | 22-OTT-2020-MUSEO DIOCESANO CT

22-OTT-2020 - AL MUSEO DIOCESANO DI CATANIA IN MOSTRA LE RACCOLTE URZ╠ E NICOLOSI

Inserire testo che descrive l'immagine quando questa viene inserita

L'ASSESSORE SAMON└: "OBIETTIVO DELLA REGIONE ╚ LA VALORIZZAZIONE DEI BENI MENO CONOSCIUTI CHE SONO CONSERVATI NEGLI ARCHIVI E NEI DEPOSITI"

Venerdý 23 ottobre alle 18,30 nella Sala Pinacoteca del Museo Diocesano di Catania si inaugura la mostra "Dai depositi alla musealizzazione: il caso delle raccolte Urzý e Nicolosi".
L'esposizione rende visibili gli oggetti delle collezioni di due sacerdoti catanesi, Mons. Salvatore Urzý e Mons. Salvatore Nicolosi, collezionisti di oggetti d'arte donati con testamento all'Arcidiocesi di Catania e da questa - in virt¨ di una lettura congiunta degli articoli del Codice Civile e del Codice dei Beni Culturali - consegnati alla Soprintendenza dei beni culturali, in quanto beni appartenenti al patrimonio indisponibile della Regione.

"La mostra - sottolinea l'assessore regionale dei Beni Culturali e dell'IdentitÓ Siciliana, Alberto SamonÓ - rientra nella politica di valorizzazione delle opere meno conosciute, custodite nei depositi dei musei e delle Soprintendenze per far scoprire, anche attraverso esposizioni realizzate in collaborazione con musei pubblici e privati, il patrimonio della Regione. Quello della migliore valorizzazione del patrimonio - aggiunge l'assessore SamonÓ - Ŕ un argomento all'ordine del giorno, sul quale, come Governo regionale, stiamo effettuando un approfondimento nella prospettiva di consentire la massima visibilitÓ e fruizione degli innumerevoli beni contenuti in archivi e depositi regionali".

Della collezione Urzý fanno parte 160 piccoli oggetti provenienti da scavi archeologici quali piccoli vasi, qualche statuetta, piccoli esemplari di ceramica; alla collezione Nicolosi, invece, appartiene una raccolta di circa mille pezzi tra monete moderne e medaglie, di cui alcuni esemplari pi¨ antichi di epoca greca e romana, ma soprattutto di epoca medievale e islamica.

"La mostra allestita al Museo Diocesano non ha un valore scientifico particolarmente elevato - dice la Soprintendente di Catania Rosalba Panvini che ha curato l'allestimento - ma una funzione conoscitiva e divulgativa soprattutto in chiave didattica. I reperti archeologici presenti, infatti, essendo decontestualizzati e privi di indicazione sull'area geografica di provenienza, sono stati raccolti ed esposti su base tipologica".