Lunedì, 25 ottobre 2021
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro | Dipartimento del lavoro | Aree tematiche | Bacini di crisi e povertà | Aree di crisi industriale complessa

Aree di crisi industriale complessa

Aree che riguardano specifici territori soggetti a recessione economica e perdita occupazionale di rilevanza nazionale e con impatto significativo sulla politica industriale nazionale, non risolvibili con risorse e strumenti di sola competenza regionale.

La complessità deriva da:

  • crisi di una o più imprese di grande o media dimensione con effetti sull'indotto
  • grave crisi di uno specifico settore industriale con elevata specializzazione sul territorio

Termini Imerese

La crisi industriale del Polo di Termini Imerese, determinata dalla chiusura degli stabilimenti del Gruppo Fiat, ha richiesto un intervento coordinato del MISE, della Regione Siciliana e delle Istituzioni locali, con il supporto tecnico di Invitalia, per individuare concrete opportunità di reindustrializzazione dell'area: sono stati programmati interventi finalizzati a mantenere la vocazione produttiva del territorio nel settore automotive, senza escludere l'inserimento di ulteriori imprese operanti in settori diversificati, con obiettivi di rilancio e di sviluppo industriale.

Gela

L'area di Gela che con i SLL di Gela, Mazzarino, Vittoria, Caltagirone, Riesi, Caltanissetta e Piazza Armerina è stata riconosciuta area di crisi industriale complessa con decreto 20 maggio 2015.

Il riconoscimento fa seguito al Protocollo di Intesa per l'area di Gela - sottoscritto tra MISE, Regione Siciliana, Comune di Gela e ENI S.p.A. ENI Mediterranea Idrocarburi S.p.A., Raffinerai di Gela S.p.A., Versalis S.p.A., Syndial S.p.A. e rappresentanze delle Organizzazioni Sindacali e Confindustria Centro Sicilia, in data 6 novembre 2014 - in cui, alla luce della crisi del settore della raffinazione, si evidenziava la necessità di una profonda revisione del modello industriale del sito produttivo di Gela, con conseguente piano di riconversione dell'intera area.

Si è in fase di predisposizione del PRRI che si approva con apposito Accordo di Programma.

Con decreto ministeriale 1° ottobre 2015 è stato costituito, ai sensi dell'articolo 1, comma 6, del decreto ministeriale 31 gennaio 2013, il Gruppo di Coordinamento e Controllo per l'area di crisi industriale complessa di Gela con il compito di definire e attuare il PRRI.



 

Pubblicazione Elenco Organismi/Enti ammessi e Proposte di rafforzamento delle competenze degli ex lavoratori in mobilità dell'area di crisi industriale complessa di Termini Imerese, approvato con DDG n. 10658 del 28/11/2018.

ZIP Compressed Format 30-NOV-2018 - Servizio VIII - Comunicato prot. n. 43422 del 29/11/2018 (Dimensione documento: 5797604 bytes)

Pubblicazione Elenco Organismi/Enti ammessi e Proposte di rafforzamento delle competenze degli ex lavoratori in mobilità dell'area di crisi industriale complessa di Gela, approvato con D.D.G. n. 10659 del 28/11/2018.

ZIP Compressed Format 30-NOV-2018 - Servizio VIII - Comunicato prot. n. 43420 del 29/11/2018 (Dimensione documento: 4179240 bytes)

Decreto di impegno cap. 314139 - Piano di rafforzamento competenze lavoratori Smim Impianti spa

Adobe Portable Document Format 14-GEN-2019 - Dirigente Generale - D.D.G. n. 41 del 14/01/2019 (Dimensione documento: 471478 bytes)

Decreto di impegno cap. 314139 - Piano di rafforzamento competenze lavoratori Cipro Gest srl

Adobe Portable Document Format 14-GEN-2019 - Dirigente Generale - D.D.G. n. 42 del 14/01/2019 (Dimensione documento: 472731 bytes)