Domenica, 16 gennaio 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana | Info e documenti | Avvisi e comunicazioni | 07-SET-2020-SUMMER SCHOOL

07-SET-2020 - DA OGGI A FAVIGNANA LA SECONDA EDIZIONE DELLA SUMMER SCHOOL SULL'ARCHEOLOGIA DEL MARE

Inserire testo che descrive l'immagine quando questa viene inserita

Prende il via oggi nell'ex stabilimento della Tonnara Florio di Favignana, la seconda edizione della "Summer School in Archeometria e Archeologia Subacquea" intitolata a Sebastiano Tusa, sotto la direzione di Eugenio Caponetti e la co-direzione di Valeria Li Vigni.
Undici gli studenti che partecipano alla summer school, selezionati tra laureati in discipline legate all'archeometria o all'archeologia e operatori del settore.
Il termine Archeometria è un termine coniato dagli archeologi che hanno iniziato ad utilizzare metodi scientifici moderni e che utilizzano analisi strumentali da laboratorio per studiare beni di interesse storico - archeologico.
I contenuti della Summer School riguardano soprattutto esperienze di ricerca e risultati raggiunti dagli archeologi, dagli archeometri e soprattutto dalla loro interazione. A questi si sono affiancati altri temi correlati come l'archeo-ecologia, la geo-archeologia, lo studio dell'habitat di insediamento dei beni archeologici subacquei, la ricerca archeologica in altofondale, gli itinerari culturali subacquei, i musei sommersi. La settimana è realizzata in collaborazione con l'Università di Palermo e il "Labor artis C.R. Diagnostica".
"L'obiettivo per cui il Governo regionale ha sposato l'idea di una Summer School sui temi dell'archeologia subacquea - ha sottolineato l'assessore regionale dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, Alberto Samonà, aprendo i lavori della Summer School - è quello di stimolare e intensificare il dialogo tra gli archeologi del mondo sommerso e chi si occupa di indagare la composizione atomica e molecolare dei reperti, la loro trasformazione, la conservazione. La differenza tra discipline, che un tempo era ben definita, oggi va perdendo i suoi contorni ed è sempre più evidente, anche nel mondo dei Beni Culturali, che ci troviamo sempre più nella necessita di operare attraverso una modalità di lavoro multidisciplinare in cui il confronto e la collaborazione tra le diverse figure professionali, con formazione culturale differente, deve divenire il modo ordinario di collaborazione. La partecipazione variegata al corso, che è fatta di studenti ma anche di rappresentanti delle professioni e delle istituzioni nonché di relatori che con diverse competenze, - ha aggiunto l'assessore Samonà - è un'occasione per sperimentare nuove modalità di interazione e collaborazione tra gli organismi che, a diverso titolo, si occupano di tesori sommersi, nella prospettiva di trovare nuove intese che aiutino nella conoscenza, nella ricerca e nella valorizzazione del nostro patrimonio culturale".
La Summer School, che si è aperta con la tavola rotonda su "Problematiche e prospettive per una migliore gestione, tutela, conservazione e valorizzazione dei reperti provenienti dal mare",
si concluderà sabato 12 settembre e prevede la presenza di numerosi relatori che si confronteranno sui diversi aspetti legati al recupero, al mantenimento e alla valorizzazione dei siti con focus tecnici affidati a competenze scientifiche provenienti da tutta Europa.