Mercoledė, 25 maggio 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identitā siciliana | Info e documenti | Avvisi e comunicazioni | 14-APR-2021-VALLELUNGA

14-APR-2021 - VALLELUNGA PRATAMENO (CL) GLI ASSESSORI FALCONE E SAMONĀ VISITANO L'AREA DI SCAVI DOVE Č STATO SCOPERTO UN SITO ARCHEOLOGICO

Inserire testo che descrive l'immagine quando questa viene inserita

"UN'AZIONE IMPORTANTE PER REALIZZARE LA LINEA FERROVIARIA PA-CT E VALORIZZARE L'INSEDIAMENTO ARCHEOLOGICO"

Si č svolto questa mattina a Vallelunga Pratameno, nell'area interessata dal raddoppio della linea ferrata Palermo-Catania, un sopralluogo congiunto tra l'assessore delle Infrastrutture e dei Trasporti, Marco Falcone e l'assessore dei Beni Culturali e dell'Identitā Siciliana, Alberto Samonā, per coordinare gli interventi da effettuare a seguito della scoperta di un importante insediamento romano nel corso dell'attivitā di sorveglianza preventiva svolta dalla Soprintendenza dei Beni Culturali di Caltanissetta.
Al sopralluogo erano presenti, fra gli altri, l'ing. Salvatore Leocata, responsabile tecnico di RFI, la Soprintendente dei Beni Culturali di Caltanissetta, Daniela Vullo, il commissario del comune di Vallelunga, Cettina Nicosia e i rappresentanti dell'impresa Sistemi e Progetti di Roma, che sta realizzando i lavori.
La visita al cantiere č stata accompagnata dall'archeologa Marina Congiu che ha descritto le attivitā sin qui svolte che hanno fatto emergere un'importante villa rurale romana del I secolo d.C., parte di un insediamento che dovrebbe estendersi su un'area di sei ettari e che costituisce ad oggi un elemento di grande pregnanza culturale e di indubbia attrattiva per il territorio.
"La visita di questa mattina - dicono gli assessori Falcone e Samonā - č stata molto importante perché ha permesso di verificare congiuntamente il contesto emerso e di porre le basi per un'azione congiunta che contemperi l'esigenza di valorizzare l'area archeologica con la realizzazione dei lavori per il raddoppio della linea ferrata che costituisce un'importantissima infrastruttura che permetterā di potenziare il sistema dei trasporti su rotaia, con inevitabile incidenza sullo sviluppo alle aree interne dell'Isola".
"Questa mattina abbiamo raccolto l'impegno di RFI - sottolinea l'assessore dei Beni culturali e dell'Identitā siciliana, Alberto Samonā - di contribuire con proprie opere alla valorizzazione dell'intera area dove si stanno compiendo le indagini di scavo e su cui sembrano esserci significative evidenze archeologiche, in una prospettiva di futura fruizione. Il complesso di grande pregio potrebbe diventare, infatti, una delle principali attrattive della zona da raggiungere anche attraverso un percorso cicloturistico di collegamento tra la stazione di Vallelunga e il sito archeologico, sulla cui realizzazione RFI sembra aver dato la propria disponibilitā".

Per l'assessore delle Infrastrutture e dei Trasporti, Marco Falcone "č importantissimo il sopralluogo di oggi per un'azione sinergica che contemperi l'esigenza di valorizzazione del sito archeologico con quella di realizzazione di lavori che risultano strategici per la nostra Isola. Č evidente l'importanza del raddoppio della ferrovia Palermo-Catania che consentirā il collegamento veloce tra le due cittā, soprattutto attraversando aree interne che da questa importante arteria potranno trarre grandi benefici e possibilitā di sviluppo".
"Dopo l'indagine magnetometrica - precisa Daniela Vullo, Soprintendente dei Beni culturali di Caltanissetta - faremo ora dei saggi archeologici superficiali per verificare l'esistenza delle strutture interrate che le ricerche fino ad oggi effettuate sembrano avere individuato. Le strutture murarie emerse dal mese di luglio scorso ad oggi, infatti sembrano confermare il ritrovamento di una villa rustica che, per dimensioni e tipologia, nel settore settentrionale della provincia di Caltanissetta, non sembra al momento, avere confronti".
Presenti anche il parlamentare regionale Michele Mancuso, il responsabile archeologo della Italfer Ettore Manfredi e i responsabili di saggio Eliana Lo Curto e Francesca Pulvirenti.