Domenica, 16 gennaio 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana | Info e documenti | Avvisi e comunicazioni | 22-APR-2021-MONTE KRONIO

22-APR-2021 - SCIACCA: L'ANTIQUARIUM DI MONTE KRONIO SI RINNOVA

Inserire testo che descrive l'immagine quando questa viene inserita

L'ASSESSORE SAMONÀ: "L'USO DELLA TECNOLOGIA PER RENDERE PIÙ SUGGESTIVO UN LUOGO CHE RACCONTA LA STORIA DELL'UOMO SIN DALLA PREISTORIA"

L'Antiquarium di monte Kronio si rinnova e potenzia la sua offerta culturale, grazie all'uso di tecnologie che offriranno ai visitatori l'emozione di una visita interattiva. Monte Kronio, con le grotte e le "Stufe di San Calogero", offre ai visitatori un'esperienza che coniuga aspetti legati alla geologia, speleologia, preistoria, storia, ritualità, epica, medicina.
I lavori di adeguamento e rifunzionalizzazione - finanziati per 120.000 euro con risorse del Parco Archeologico della Valle dei Templi, da cui Monte Kronio dipende - saranno realizzati dalla Bio Wood Heater e prevedono una durata di 6 mesi.

"Scopo del progetto - sottolinea l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà - è rendere più attrattiva una realtà sotto molti aspetti straordinaria e offrire ai visitatori un'esperienza didatticamente pregnante e, al contempo, emozionante. Le caverne di Monte Kronio hanno ospitato l'uomo sin dai tempi più antichi e ne hanno custodito interessanti tracce. L'allestimento del nuovo Antiquarium si avvarrà dell'uso di tecnologia avanzata e della realtà aumentata, che consente di incorporare movimento, dinamismo e interattività, per aumentare il coinvolgimento dei visitatori e catturare segmenti di pubblico nuovi. Il nuovo allestimento - evidenzia ancora l'assessore Samonà - rientra nella politica di ammodernamento delle realtà museali su cui il Governo regionale, anche attraverso i Parchi archeologici, sta impegnando risorse importanti".
Il nuovo allestimento di Monte Kronio aggiungerà all'offerta culturale classica dell'Antiquarium anche il valore aggiunto del paesaggio che si gode dalla terrazza. I lavori che andranno a realizzarsi con questa prima fase prevedono, infatti, la realizzazione delle opere riguardanti la sistemazione delle aree esterne e dei prospetti nonché l'allestimento interno e la definizione del progetto di allestimento scenografico, tecnologico e didattico. Proprio sul terrazzo panoramico sarà realizzata una copertura che renderà più attrattiva la terrazza stessa, rendendola adatta ad ospitare eventi culturali.
"Il nuovo allestimento di Monte Kronio - dice Roberto Sciarratta, direttore del Parco archeologico della Valle dei Templi - rientra nel complessivo disegno di ammodernamento delle strutture museali per rendere maggiormente attrattive le strutture e adeguarle un pubblico sempre più esigente e curioso. Nella parte centrale dell'Antiquarium, infatti, saranno realizzate 4 postazioni immersive per far provare l'esperienza di visita delle grotte. Si tratta di seggiolini girevoli con visori VR da appoggiare al viso (sottoposti a sanificazione dopo ogni uso) che consentiranno di "entrare" all'interno di un video generato in computergra?ca 3D attraverso cui, con una immersione a 360 gradi, il visitatore verrà accompagnato in un viaggio straordinario da una voce narrante".
L'esposizione museale occupa oggi i locali ubicati all'ultimo piano del complesso termale delle Stufe di San Calogero o grotte del Kronio, sulla sommità dell'omonimo Monte che sovrasta, da Nord, la città di Sciacca, nota per l'importanza del bacino idrotermale sfruttato sin dall'antichità a fini terapeutici.
L'Antiquarium, inaugurato negli anni '80 del secolo scorso, raccoglie materiali archeologici di epoca preistorica e storica provenienti da scavi e da ricerche condotte, dagli anni '60 alla fine degli anni '80, all'interno del complesso ipogeo di origine carsica che si sviluppa nelle viscere del Monte e la cui singolare unicità è legata alla presenza di fenomeni vaporosi che, risalendo lungo la rete di gallerie che lo attraversa, fuoriescono dalle cavità superiori, le c.d. Stufe di San Calogero, ancora oggi sfruttate.