Home | Strutture regionali | Assessorato regionale della salute | Aree Tematiche | Epidemiologia

Epidemiologia

 Le Competenze istituzionali del Servizio Epidemiologia sono:
A) Promuovere la istituzione di strumenti di osservazione epidemiologica periferica tesi alla conoscenza delle condizioni di salute della popolazione e dei fattori che determinano stati di malattia e di rischio e formulare report periodici sulla evoluzione di tali elementi

B) Recepire dati da fonti internazionali, nazionali e locali riguardanti le materie sotto elencate e produrre report periodici sull'andamento dei relativi fenomeni sotto osservazione:

- andamento della salute e delle malattie nella popolazione

- la consistenza delle strutture sanitarie

- gli aspetti riguardanti la funzionalità delle strutture con particolare riguardo ai carichi di lavoro ed alla domanda soddisfatta

- gli aspetti di tipo relazionale tra i soggetti e il sistema sanitario

Le finalità operative si traducono nello sviluppo e utilizzo di strumenti e metodi epidemiologici per la valutazione dello lo stato di salute e dei relativi determinanti, delle prestazioni e dei servizi. L'attività è orientata secondo un approccio pragmatico di funzione epidemiologica per la sanità pubblica regionale e cioè strettamente rivolta alla individuazione degli obiettivi di salute, dei bisogni e del controllo dei determinanti in comunità al fine di orientare le strategie di intervento e valutarne e monitorarne la relativa efficacia. Le evidenze prodotte hanno costituito il riferimento per l'avvio di programmi di intervento e di prevenzione nell'ottica dell'approccio della epidemiologia consequenziale (cfr. linee guida per l'educazione alla salute) e nella riduzione dei fattori di rischio. Sono utilizzati anche metodi e protocolli di valutazione di esito degli interventi e di efficacia delle prestazioni di ricovero nelle strutture siciliane (Es. Infarto Miocardio Acuto) Le attività si svolgono in coerenza con i temi di programmazione sanitaria nazionale ed in raccordo con la pianificazione in tema di prevenzione del Ministero della Salute e del CCM (Centro Controllo delle Malattie)

Attualmente le attività correnti sono rappresentate da

1) Monitoraggio dello stato di salute della popolazione regionale e dei relativi determinanti e fattori di rischio e elaborazione periodica del profilo di salute regionale (relazione sanitaria della regione). Elaborazione e aggiornamento dei bisogni di salute e del carico di malattia a livello regionale. Individuazione delle priorità sanitarie di comunità e a livello regionale

Applicazioni recenti: Profilo di salute e indagine sulle priorità sanitarie in Sicilia



2) Valutazioni ed analisi epidemiologiche su temi rilevanti di salute pubblica regionale attraverso indagini descrittive e/o analitiche o tramite

A) Utilizzo di dati correnti (valorizzazione della piattaforma informativa presso il Sistema Informativo Regionale del DOE ed in particolare :

- Indagini e/o analisi di mortalità a livello comunale, territoriale e regionale su base dati mortalità ISTAT o da Registro Nominativo delle Cause di Morte.

Applicazioni recenti:



 

 

- Valorizzazione e utilizzo dei flussi informativi sulle principali prestazioni sanitarie ed in particolare sulle dimissioni ospedaliere in funzione

- Valutazione dello stato di salute o della stima del carico di malattia e dei bisogni di salute sul territorio regionale

Applicazioni Recenti:

- stime di occorrenza (incidenza, prevalenza, tassi di ospedalizzazione ecc.) in occasione di numerose valutazioni su richiesta dell'Amministrazione o di enti o istituzioni regionali;

- analisi geografiche;

- Valutazione dell'efficacia degli interventi di sanità pubblica a livello regionale

Applicazioni recenti: Valutazione di esito delle prestazioni nelle strutture di ricovero siciliane (mortalità in IMA, BYPASS Aorto coronario)

B) indagini epidemiologiche ad hoc (sistematico ricorso allo strumento delle survey campionarie)

Applicazioni recenti: Indagine sui determinanti di salute in età evolutiva (ICONA 2003), sulla qualità dell'assistenza nel Diabete (QUADRI 2005), sugli stili di vita e fattori di rischio (PASSI 2009), monitoraggio effetti divieto di fumo (ENFASI 2006).



 

C) Gestione di sistemi di sorveglianza e Registri di patologia: analisi descrittiva sull'andamento di alcune patologie di rilevanza sociale e sanitario e/o la cui etiologia è correlabile ad esposizione ambientale. Nell'ambito dell' Unità Operativa Complessa 2b - Registri di Patologia, viene attuata la sorveglianza epidemiologica di cui alla legge 135/90 sui casi di AIDS e sono adottati metodi per la stima dei casi di HIV sul territorio regionale, effettuato il cordinamento del programma per la rete regionale dei registri tumori ed aggiornati i dati e elaborati e diffusi report annuali sui seguenti registri regionali:



Registro Regionale AIDS
Registro Siciliano Talassemie

Registro Mesoteliomi
Registro Regionale protesi d'anca
Registro Regionale sorveglianza HIV
Regiostro Regionale tumori tiroidei
Registro Regionale malformazioni 

Registro Regionale delle malattie rare

 


 

DETERMINANTI E FATTORI DI RISCHIO

Rispetto all'attenzione rivolta ai determinanti ed i fattori di rischio che determinano stati di malattia il Servizio Epidemiologia svolge attività orientate alla:

1) Valutazione della diffusione, dell'impatto e dei programmi di controllo dei principali determinanti con particolare riferimento al ruolo di fattori di rischio ambientali e/o comportamentali (stili di vita) attraverso i seguenti metodi:

A) Sorveglianza su effetti sanitari per esposizioni ambientali

- In collaborazione con il Dipartimento Protezione Civile viene coordinato il Sistema di sorveglianza sulla mortalità da caldo durante i mesi estivi.

B) Sistema di Sorveglianza su stili di vita e sui risultati dei programmi di sanità pubblica e dei piani di prevenzione regionali (PASSI); Coordinamento del sistema di sorveglianza regionale in collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità (ISS) per la rilevazione dell'andamento di alcuni fattori di rischio comportamentali (alimentazione, obesità, sedentarietà, rischio cardiovascolare, fumo, consumo alcool, sicurezza stradale, diagnosi precoce) correlati all'esito dei piani di prevenzione in corso (modello BRFSS CDC-USA)

C) Sorveglianza su fenomeno dipendenze patologiche
 



Coordinamento OERD (Osservatorio Epidemiologico Regionale Dipendenze)



Programma regionale del Sistema Informativo delle dipendenze previsto dall'NSIS del ministero della salute

Progetto nazionale per la stima della prevalenza del fenomeno



Studio VEdette

 



Ulteriori attività
Elaborazione rapporto spesa farmaceutica territoriale (SFERA rapporto file F (farmaci ospedalieri in fascia H in compensazione)
applicazioni: nell'arco del 2004-5 report trimestrali;
Pubblicazione notiziario OE: periodico semestrale dell'OER previsto dall'art. 21 della legge regionale istitutiva n. 6/81

 

Diffusione report e comunicazione
Sono stati prodotti diversi rapporti sui temi trattati disponibili anche attraverso il Notiziario OE o il sito istituzionale.

 

Collaborazioni
Per la rilevazione sistematica o estemporanea di dati epidemiologici sul territorio intercorrono rapporti operativi secondo un modello in rete con i Servizi di Epidemiologia dei Dipartimenti di Prevenzione con riferimento agli aspetti di prevenzione contemplati dalla normativa di cui all'ìart. 7 del D.Lsvo 229/99, ivi compresi stili di vita, ambienti di vita e di lavoro ecc.. Importanti strutture di riferimento sono inoltre costituite da quelle individuate da normativa regionale (RTP per gli aspetti riguardanti la sorveglianza sulla patologia tumorale dai registri di patologia.
Alcune delle attività descritte vengono svolte in collaborazione con il Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza e Promozione della Salute dell'Istituto Superiore di Sanità, ovvero, tramite il Ministero della Salute, con il Dipartimento di Epidemiologia della ASL Roma E o di altre istituzioni di sanità pubblica di riferimento nazionale Sviluppo di strumenti per la sorveglianza epidemiologica sui principali determinanti e fattori di rischio ed in particolare:

  1.  Sviluppo e coordinamento sistema di sorveglianza regionale su fattori di rischio comportamentali (stili di vita) e sull'adesione ai programmi di prevenzione in corso (PASSI)
  2. Sorveglianza epidemiologica legge 162/90 (Dipendenze patologiche) e legge 125/00 (alcooldipendenza)
  3. Sorveglianza epidemiologica legge 135/90 (HIV e AIDS) attraverso UOC 2B
  4. Sorveglianza epidemiologica su effetti sanitari per esposizioni ambientali
  5. Analisi territoriale delle disuguaglianze sulla salute

Proposte per programmi di intervento e collaborazione ai Piani di Prevenzione Regionali, con particolare riferimento al controllo degli incidenti, per gli aspetti di sorveglianza epidemiologica di competenza in collegamento con il Servizio Formazione e Prevenzione

Rapporti con il Ministero della Salute, il Centro Controllo Malattie (CCM), il Centro Nazionale di Epidemiologia dell'ISS ai sensi dell'art. 21 della L.R. 6/81, le Aziende Sanitarie e le Istituzioni della Regione per le materie di competenza

Pubblicazione Notiziario OE

Coordinamento dell'attività del Servizio Epidemiologia