Home | I 150 anni dalla spedizione dei mille | Sicilia 150 | Mille musiche e canti popolari | I canti popolari siciliani | La leva

La leva

Si tratta di tre componimenti che polemizzano con l'imposizione da parte del governo italiano del servizio di leva obbligatorio, dal quale i siciliani erano stati tradizionalmente esclusi durante il regime borbonico. Il primo con forti accenti lirici dipinge lo scoramento dei giovani che partono e delle loro donne che restano. Il secondo è uno scambio di battute tra un uomo rassegnato che invita, senza ricevere alcun incoraggiamento, la propria donna ad aspettarlo. Il terzo il lamento grottesco di un monaco che deve impugnare il fucile.

 

 

La Leva

1
Ora ca vinni lu misi di maju
Vaju dicennu ca la leva è veru;
li schittuliddi fannu un chiantu amaru,
la mugghi giuvintù surdatu jeru.
A Turinu n'aspetta lu suvranu
Facemu li sett'anni e poi vinemu:
quant'è cchiù tintu si nni maritamu!
Ccu 'na magghia a li pedi sempri semu.

2
[Uomo]:
Picciotti di Rivela, ch'hamu a diri?
E ccu sta liggi com'avemu a fari?
Tutti surdati nni nn'avemu a jiri
Li schittuliddi suli hamu a lassari!
Iddi d'appressu nni vonnu viniri,
l'amuri nostru 'un si ponnu scurdari?
-O ti lu dicu, o ti lu mannu a diri,
'n'àutri ott'anni ci vonnu ppi turnari-

[Donna]:
Gesù! Chista palora 'un nni la diri
Ca 'n'àutri ott'anni cci pozzu stari!

3
E jo l'amaru - non era 'mparatu
Prima era monacu - e ora surdatu
Prima era monacu - di lu combentu
Ora surdatu - di riggimentu.
Prima era monacu - stutava cannili
E ora surdatu - portu fucili.

 

 

La leva

Ora che è venuto il mese di maggio
Vado dicendo che la leva è vera:
le giovanette fanno un pianto amaro
la meglio gioventù va militare
A Torino ci aspetta il sovrano
Faremo i sette anni e torneremo:
quanto è peggio se ci sposiamo!
Con catena ai piedi per sempre saremo.

[Uomo]:
Giovani di Ribera, e che c'è da dire?
Con questa legge cosa c'è da fare?
Tutti soldati dovremo partire
Le giovanette sole dobbiamo lasciare!
Esse con noi vorrebbero venire!
L'amore nostro non possono scordare?
-o te lo dico, o te lo mando a dire
Altri otto anni ci vorranno per tornare-.

[Donna]:
Gesù! Questa parola non la dire
Chè altri otto anni non ci posso stare!-

Povero me - ero impreparato
Prima ero monaco - e ora soldato
Prima ero monaco - del convento
Ora soldato - di reggimento.
Prima ero monaco - spegnevo candele
E ora soldato - e porto il fucile.

A.F.