Home | I 150 anni dalla spedizione dei mille | Sicilia 150 | Mille musiche e canti popolari | I canti popolari siciliani | Lu smaccu di Salzanu

Lu smaccu di Salzanu, Maniscalcu e Lanza a lu 21 maggiu 1860

Il 14 aprile del 1860 veniva eseguita la condanna a morte di 13 insorti palermitani. L'episodio diede vita a questo canto, che è un grido di condanna alla prepotenza e all'arrivismo dei capi della polizia borbonica. In un crescendo, i versi denunciano la tensione reale che vive la città in quelle ore, fino all'esplosione della rivolta del 21 maggio. Tutta la stampa clandestina e la propaganda assicurano che presto arriverà colui che metterà fine ai soprusi e ai torti. Comincia a prendere forma il mito di Garibaldi.

 

 

Lu smaccu di Salzanu, Maniscalcu e Lanza a lu 21 maggiu 1860

Menzi-aranci sfacinnati,
chi a li chesi, strati strati,
vi appiattati, vi iunciti,
pri ntunari libertà,
'ntra l'avvisi nun liggiti
Ca turnanu tranquillità?

Ogni ghiornu nni l'ha dittu
Lu Guvernu, e nun s'ha crittu,
A lu Duca di la Gancia
Si ha pigghiatu pro Pepè
Menzi-culi, chi vi mancia
Cu sta cursa e cu sti olè?

Già l'assediu era li vatu,
(e, cci iuru, fu stampatu)
Lu consigghiu militari
Si lassau pri fari un chì:
fu un capricciu, né atruvari
vui ci aviti lu pirchì

E si ora si appizzau
Chi l'assediu riturnau,
è pirchì quarchi priduni
forsi spersu ancora cc'è:
e nni guarda lu vurzuni
la milizia di lu re.

Viva, viva, e sia ludata
Sta milizia nfrancisata,
chi ha distrutti li paesi
cu curaggiu di francisi,
chi a li fimmini e carmuci
l'ha infilatu duci duci
chi ha sbannatu li priduni
trenta voti, e forsi cchiù,
chi cu casci e casciuni,
si cci ha misu a tu-pri-tu.

Ora tuttu è già finutu
Maniscalcu ha triunfatu:
la so vurza s'ha ghincutu
cu procediri anuratu.
Sulu arresta qualchedunu
Chi nun cridi a lu pirdunu,
e cu l'armi e li banneri
va dispersu ccà e ddà,
cu qalch'autru "Avventureri"
chi d'Italia vinni ccà.

Ma la truppa, nt asti iorna,
cci avi a rumpiri li corna,
e purtannuli a vapuri
ncatinati tutti ccà,
a lu nostru Diretturi
pri scannarli li darrà.
Viva, viva stu Baruni
Di lu Cassaru vacanti,
chi sosizza e sosizzuni,
nni farrà di tutti quanti.

Garibaldi, già ti chiànciu:
pri nu carrinu non ti cànciu:
lu to coddu tantu tisu,
Maniscalcu nfurchirà.

Ma ahimè? Palermitani!!!
Li campani? oh li campani!!!
Chistu è un chiovu dulurusu
Pri l'onestu e vituusu.
Lu battagghiu principali
MAniscalcu si pigghiò;
né cc'è 'a diri "Fici mali"
pirchì è suu? lu miritò.
E lu restu? ? Pri la via
Si sparìu la pulizia,
comu un premiu a li suduri
chi ha ghittatu tutti l'uri.

E pri Lanza chi è arrivatu
Mancu unu nn'ha lassatu.
Mancu unu pri cui porta
L'aletr-ego 'ntra na sporta,
chi nni dici cu buntati
ca farrà stratuna e strati
chi annittati li cunnutti
nni farrà vidiri tutti

chi, a cu voli cchiù gridari,
iuntu appena, fa sparari.
Chi?signuri! E pirchì mai
Li battagghi un sunnu assai?
Tu lu vidi: una campana
Ntra di nui nun sona cchiù:
HAnnu statu nquarantana
E nfittati tutti su'.

Ma picciotti, cori granni,
cori allegri a tutti banni
li battagghi ancora aviti:
daticcilli tutti ddà;
chistu è un cànciu chi duviti
a la gran tranquillità.

 

 

Lo smacco di Salzano, Maniscalco e Lanza il 21 maggio 1860

"Mezzi-aranci" sfaccendati
Che in chiesa, per le strade
Vi nascondete, vi riunite
Per intonare libertà
Negli avvisi non leggete
Che è tornata tranquillità?

Ogni giorno ce l'ha detto
Il Governo, e non è stato creduto
Il Duca della Gancia
È stato preso per Pepè.
"Mezzi-culi", cosa vi prude
Con questa corsa e questi sberleffi?

Già l'assedio era tolto
(e, lo giuro, fu stampato)
Il consiglio militare
Non fu abolito: a chè?
Fu un capriccio,né ci dovete
Trovare voi il perché.

E se ora han pubblicato
L'avviso che è tornato
È perché qualche predone
Forse sperso ancora c'è
E i beni ci difende
La milizia del re

Viva, viva e sia lodata
Questa milizia infrancesata
Che ha distrutto i paesi
Col coraggio dei francesi
Che alle donne e alle bambine
L'ha "data" piano piano
Che ha sbandato i predoni
Trenta volte, e forse più
Che con "casse e cassette"
Si è messo a tu per tu.

Ora tutto è già finito:
Maniscalco ha trionfato:
la sua borsa s'è riempita
cin comportamento onesto.
Solamente resta qualcuno
Che non crede al perdono
E con l'armi e le bandiere
Va disperso di qua e di là
Con qualch'altro "Avventuriere"
Che dall'Italia venne qua.

Ma la truppa, in questi giorni
Gli ha da rompere le corna;
e portandoli a vapore
incatenati tutti qua
al nostro Direttore
per scannarli li darà.

Viva viva questo Barone
Del Cassaro vuoto
Che salsiccia e salsicciotti
Ne farà di tutti quanti

O Garibaldi, già per te piango
Per un soldo non ti cambio
Il tuo collo così altero
Maniscalco inforcherà.

Ma ahimè!...Palermitani!!!
Le campane? oh le campane!!!
Questo è un chiodo doloroso
Per l'onesto ed il virtuoso.
Il batacchio principale
Maniscalco si pigliò;
non c'è da dire "Fece male"
perché è suo? lo meritò.
E il resto?... Per la via
Se lo divise la polizia
Come un premio ai sudori
Che ha sparso in tutte l'ore

E per Lanza che è arrivato
Neppure uno ne ha lasciato.
Neppure uno per chi porta
L'alter-ego dentro la sporta
Che ci dice con bontà
Che farà stradoni e strade
Che puliti i condotti
Ce li farà vedere tutti

Che, a chi vuole gridare ancora,
appena giunto, lo fa sparare.
Che?signore! E
I batacchi non son molti?
Tu lo vedi: una campana
Fra di noi non suona più:
sono state in quarantena
e infette tutte sono

ma picciotti, generosi
cuori allegri in tutti i posti
i batacchi ancora avete:
dateglieli tutti "là";
questo è un cambio che dovete
alla gran tranquillità.

A.F.