Lunedì, 29 novembre 2021
Il portale: ricerca
Home 
Home | I 150 anni dalla spedizione dei mille | Sicilia 150 | Mille musiche e canti popolari | I canti popolari siciliani | Lu vecchiu Palermu di la Feravecchia

Lu vecchiu Palermu di la Feravecchia

La statua del vecchio "Palermo" in piazza della Fieravecchia, intorno alla quale si riunivano i palermitani durante le rivoluzioni, era diventata il simbolo della protesta popolare dopo che il governo borbonico l'aveva fatta rimuovere. Questo sonetto fu stampato nella città siciliana non appena, il 7 giugno 1860, venne riposta nella piazza dal governo garibaldino.

 

 

Lu vecchiu Palermu di la Feravecchia

Nisciva arreri 'mmenzu, o Ciccu Bumma
Cu fascia e cu bannera a tri culuri;
comu d'Italia risunau la trumma,
ti detti un càuciu 'n culu, tradituri.

Su vecchi, ma mi pèninu li giumma,
li corna ti li fici, e cu valuri,
una vota pri sempri sugnu 'nzumma:
di ccà un mi smovu, o mortu o vincituri.

Tò patri era cchiù 'nfami di tò nannu,
ma tu fusti cchiù vili e mulacciuni,
mi sippillisti vivu, o gran tirannu.

Mi niscìu Garibaldi di la gnuni,
piscu e rapisci arreri tuttu l'annu
sta razza mmaliritta di Borboni.

 

 

Il vecchio Palermo alla Fieravecchia

Son tornato alla luce, o Cecco Bomba,
con fascia e con bandiera tricolore;
appena d'Italia risuonò la tromba,
ti ho dato un calcio in culo, o traditore.

Son vecchio,ma mi pendono i "fiocchi"
Le corna te le ho fatte, e con valore,
una volta per sempre ho preso il sopravvento:
di qua non mi muovo, o morto o vincitore.

Tuo padre era più infame di tuo nonno
Ma tu fosti più vile e ancor più falso
Mi seppellisti vivo, o gran tiranno.

Dall'angolo m'ha tratto Garibaldi
Piscio e ripiscio di nuovo tutto l'anno
Su questa maledetta stirpe di Borboni.

A.F.