Venerdì, 02 dicembre 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Presidente | Archivio | 2019 | Autonomia, Musumeci a Rimini: "Favorevoli al regionalismo differenziato"

Autonomia, Musumeci a Rimini: "Favorevoli al regionalismo differenziato"

Autonomia, Musumeci a Rimini:

«Non siamo contrari al regionalismo differenziato, anche se tengo a ricordare che nel '46 l'Autonomia speciale siciliana fu concessa proprio come un antidoto al separatismo e all'indipendentismo, dunque in funzione unitaria.
Lo ha sottolineato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, intervenendo al Meeting di Rimini a un dibattito - insieme ai governatori di Lombardia, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e della Provincia autonoma di Trento - sul regionalismo e l'autonomia differenziata.
«Il punto fondamentale - ha proseguito Musumeci - è che non deve restare un tema circoscritto fra lo Stato e le singole Regioni interessate, ma coinvolgere l'intero sistema regionale».
Per il presidente della Regione, infatti, «se al Sud si alimentano perplessità e diffidenze non è per essere contrari in linea di principio all'autonomia differenziata regionale ma perché è mancato un tavolo posto in una stanza di vetro. L'Autonomia va bene se si garantiscono la perequazione infrastrutturale, la perequazione fiscale e il Fondo perequativo, altrimenti si alimentano soltanto sospetti. Che fine fa il principio di solidarietà garantito dalla Costituzione per assicurare una comunità coesa e solidale?».
Inoltre, ha evidenziato Musumeci, «amministrare al Sud o al Nord non è la stessa cosa, anche se io sono il primo a fare autocritica per quanto riguarda la gestione assicurata in passato dalla classe dirigente e meridionale nel suo insieme. Ma molto spesso lo Stato italiano è venuto meno alle sue funzioni: se i treni veloci si fermano a Salerno e non fino a Siracusa, non è certo colpa della classe dirigente siciliana, ma di quella nazionale. La penalizzazione geografica esiste e pesa e l'Autonomia differenziata deve diventare un tema di tutti, non soltanto di chi la chiede, chiarendo gli aspetti oscuri e assicurando solidarietà».
«Le materie decentrate dallo Stato alla Regione Siciliana - ha chiarito il governatore - sono dieci e non ventitrè. Alcune riguardano gli usi civici, la caccia, la pesca, che nel '46 potevano consentire una legislazione primaria, ma oggi obbediscono alla legislazione europea, poi alle norme nazionali e poi regionali. Che poi non abbiamo saputo usare la specialità del nostro Statuto è anche vero».
«Quando si richiama il principio di responsabilità - ha aggiunto - sono il primo a riconoscere che le classi dirigenti che si sono alternate alla guida della mia Regione hanno utilizzato l'autonomia non in un contesto di responsabilità. Ma di privilegio. Perché il familismo, l'assistenzialismo hanno caratterizzato buona parte delle generazioni del Mezzogiorno. Sono il primo a fare autocritica e non ho mai governato la Regione, se non nell'ultimo anno, perché eletto democraticamente dal popolo».
Per Musumeci, lo Stato «avrebbe dovuto vigilare sulla classe dirigente siciliana, ma non l'ha fatto perché c'era una tacita, o palese, intesa. I siciliani sono diventati eterni donatori di sangue fino all'anemia a favore della classe dirigente romana. Sangue di cui si è spesso fatto mercato nero. Lo Stato è venuto meno alla propria funzione. Ci sono - ha continuato - diseconomie legate alla geografia. E' facile dialogare coi mercati europei partendo dalla linea gotica. Per un commerciante della Sicilia arrivare ai mercati europei significa affrontare duemila chilometri. Da noi la diseconomia è il sistema del credito: non c'è più una banca meridionale. Ci sono solo sportelli di banche del nord. Lo Statuto siciliano impone che le aziende che hanno lo stabilimento in Sicilia e la sede legale fuori paghino una quota in Sicilia. Roma non ha mai voluto e per questo motivo l'Isola è in credito di almeno 6, 7 miliardi di euro nei confronti dello Stato. E' una ingiustizia pensare - si è chiesto Musumeci - che gli automobilisti siciliani paghino la benzina cinquanta centesimi in meno visto che nell'isola si producono milioni di barili di petrolio?».
Riguardo al tema del personale regionale, il governatore ci ha tenuto a chiarire che «non è vero che la Regione Siciliana ha più dipendenti della Lombardia. Non è così perché non si dice che nell'Isola alcune funzioni che nella penisola sono esercitate dallo Stato vengono esercitate dalla Regione. Negli uffici del Lavoro ci sono dipendenti regionali, così come in quelli della Motorizzazione e dei Beni culturali. È chiaro che se trasferisci queste funzioni il numero dei dipendenti regionali aumenta».