Venerdì, 02 dicembre 2022
Il portale: ricerca
Home 
Home | Presidente | Archivio | 2019 | Beni Culturali

Domenica musei gratis in Sicilia

Domenica musei gratis in Sicilia

Domenica 3 marzo tutti i siti culturali siciliani potranno essere visitati gratuitamente. Ritorna l'appuntamento mensile promosso dall'assessorato dei Beni culturali che già tanto successo ha riscosso nei mesi passati. I musei regionali, le aree archeologiche, i Parchi archeologici e i luoghi della cultura della Regione Siciliana aperti al pubblico saranno visitabili, secondo la collaudata formula che ha visto un successo sempre crescente di pubblico. Un evento che è diventato appuntamento fisso per cittadini, turisti, appassionati: un modo per riscoprire luoghi di grande bellezza e di alto valore.
«E' una straordinaria occasione - evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci - per avvicinare i cittadini ai luoghi della cultura. Una bella notizia per coloro che amano l'arte o per chi vuole trascorrere una domenica in modo diverso, ammirando i magnifici tesori della nostra Regione».

Fra le iniziative, oltre alla collaudata prima domenica, è già in programmazione una card di fidelizzazione ai musei regionali e ai Parchi archeologici con una formula che faccia diventare i luoghi di cultura punto di ritrovo e occasione di incontro per i cittadini. Un modo per consentire a tutti di vivere le strutture culturali nel quotidiano e che consenta di entrare gratuitamente tutto l'anno, ogni volta che si vuole, instaurando così un dialogo stretto e dinamico con il territorio.

«Come già avvenuto nel passato - dichiara l'assessore dei Beni culturali Sebastiano Tusa - ritengo opportuno questo incentivo alla visita per le famiglie, gli studiosi, gli appassionati e i tanti turisti che già invadono le città siciliane. Un modo per fidelizzare i cittadini alle istituzioni culturali che, assieme ad altre iniziative già in cantiere, faranno riscoprire il piacere di una visita al museo, al Parco, a un monumento. Un aiuto per far conoscere maggiormente i luoghi della memoria e della propria storia».