Venerdì, 22 ottobre 2021
Il portale: ricerca
Home 
Home | Strutture regionali | Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea | Dipartimento della pesca mediterranea | Struttura | Ufficio Relazione con il Pubblico | Accesso Civico Generalizzato

Accesso Civico Generalizzato

Accesso Civico Generalizzato

Che cos'è?

L'accesso civico generalizzato, introdotto dall'art. 5, comma 2, del decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33, riconosce a chiunque il diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalla Pubblica Amministrazione, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti, non ponendo alcun limite alla legittimazione soggettiva del richiedente.
Tale tipologia di accesso riguarda non solo i dati e documenti per i quali esistono specifici obblighi di pubblicazione, ma anche quelli per cui non è prevista alcuna specifica pubblicità.
Le esclusioni e i limiti posti all'esercizio del diritto sono previsti all'art. 5-bis del citato d.lgs. 33/2013. Altre disposizioni normative, inoltre, come indicato al comma 3 del medesimo articolo, prevedono specifici limiti o ipotesi di esclusione.



Modalità per l'esercizio del diritto

L'accesso civico generalizzato si attiva con la presentazione di apposita istanza,ai sensi del comma 2 dell'art. 5 del dlgs 33/ 2013, che deve essere sottoscritta dal richiedente secondo le modalità indicate all'art. 38 del D.P.R. 445/2000. Laddove la richiesta di accesso generalizzato non sia firmata dall' interessato in presenza del dipendente addetto, la stessa va sottoscritta e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità in corso di validità del sottoscrittore.
La domanda deve contenere l'indicazione dei dati, informazioni e documenti per i quali si chiede l'accesso, nonché le modalità attraverso, le quali si chiede risposta, senza necessità di formulare alcuna motivazione, ovvero deve essere formulata in modo da consentire all'Amministrazione l'agevole identificazione.
Sono inammissibili eventuali richieste di accesso formulate in modo vago o che risultino manifestamente irragionevoli.
L'istanza per l'esercizio del diritto può essere presentata per via telematica, secondo le modalità previste dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 recante il "Codice dell'amministrazione digitale" (CAD) ovvero recapitata a mezzo posta o consegnata brevi manu.
L'istanza può essere indirizzata, alternativamente:

1) all'Ufficio Relazioni con il Pubblico

U.O.1 - URP - Affari Legali e Contenzioso
Dipartimento della Pesca Mediterranea
Via degli Emiri, 45 - 90135 PALERMO
mail:
tel. 091-7079598

2) all'ufficio che detiene i dati, le informazioni o i documenti

Servizio 1 "Programmazione"
Dipartimento della Pesca Mediterranea
Via degli Emiri, 45 - 90135 PALERMO
mail: servizio1.pesca@regione.sicilia.it

Servizio 2 "Pesca ed Acquacoltura"
Dipartimento della Pesca Mediterranea
Via degli Emiri, 45 - 90135 PALERMO
mail: servizio2.pesca@regione.sicilia.it

Servizio 3 "Trasformazione dei prodotti ittici ed innovazione"
Dipartimento della Pesca Mediterranea
Via degli Emiri, 45 - 90135 PALERMO
mail: servizio3.pesca@regione.sicilia.it

Servizio 4 "Sviluppo Locale e identità culturale"
Dipartimento della Pesca Mediterranea
Via degli Emiri, 45 - 90135 PALERMO
mail: servizio4.pesca@regione.sicilia.it

Per agevolare la corretta formulazione delle istanze è stato predisposto un apposito modulo, rinvenibile al link indicato in calce.

Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso dei costi effettivamente sostenuti dall'Amministrazione per la riproduzione su supporti materiali 
 



Procedimento

L'Amministrazione, acquisita l'istanza, inizia un'attività istruttoria, volta a valutarne l'ammissibilità, ed accerta se la medesima possa incidere su interessi di soggetti controinteressati legati alla protezione dei dati personali, alla libertà e segretezza della corrispondenza oppure ad interessi economici e commerciali.
Nell'ipotesi di individuazione di controinteressati, l'Amministrazione è obbligata a comunicare agli stessi la richiesta, mediante invio di copia a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento (o per via telematica per coloro che consentono tale forma di comunicazione). Il controinteressato può presentare (anche per via telematica) una eventuale e motivata opposizione all'istanza di accesso, entro il termine di giorni dieci dalla ricezione della suddetta comunicazione. Decorso tale termine l'Amministrazione, previo accertamento della ricezione della copia di cui sopra, provvede ad esitare la richiesta di accesso.
Il procedimento si conclude, con provvedimento espresso e motivato, nel termine di trenta giorni dall'acquisizione della richiesta. La decisione deve essere comunicata sia all'istante sia agli eventuali controinteressati.
Laddove l'Amministrazione decida di accogliere la richiesta di accesso, in assenza di opposizione di controinteressati, la stessa provvede a trasmettere tempestivamente i dati o documenti al richiedente.
In caso di accoglimento dell'istanza nonostante l'opposizione di controinteressati, l'Amministrazione è tenuta, salvi i casi di comprovata indifferibilità, a darne comunicazione a questi ultimi. I dati o i documenti richiesti possono essere trasmessi al richiedente non prima di quindici giorni dalla ricezione della stessa comunicazione da parte dei controinteressati, ciò anche al fine di consentire a questi ultimi di presentare eventuale richiesta di riesame al Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza .
Il rifiuto, differimento e limitazione dell'accesso devono essere motivati con riferimento ai casi e ai limiti stabiliti dall'art. 5 bis del d.lgs. 33/2013.
 



Rimedi nel caso di rifiuto, differimento o limitazioni dell'accesso

In caso di diniego, totale o parziale all'accesso o di mancata risposta entro il termine sopra indicato, il richiedente può presentare istanza di riesame al Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza, che decide con provvedimento motivato entro il termine di 20 giorni.
Se l'accesso è stato negato o differito a tutela della protezione dei dati personali, il Responsabile per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza provvede ad acquisire il parere del Garante per la protezione dei dati personali, il quale deve pronunciarsi entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione. In tale ipotesi il termine per l'adozione del provvedimento da parte del Responsabile è sospeso fino all'acquisizione del parere del Garante e, comunque, per un periodo non superiore ai predetti 10 giorni.
Avverso la decisione dell'Amministrazione o, in caso di richiesta di riesame, avverso quella del Responsabile per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza, può essere proposto ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale ai sensi dell'articolo 116 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104 (Codice del processo amministrativo)



Scarica la Modulistica

IModulistica

(Data di pubblicazione: 18/10/2017 - Ultimo aggiornamento: 30/03/2020)